Carta famiglia: sconti e benefici per famiglie con figli under 26

La Carta Famiglia 2020 è una tessera che consente ai nuclei familiari in possesso di certi requisiti, di fruire di sconti e agevolazioni su servizi e prodotti acquistabili presso esercenti convenzionati. Nel prosieguo di questo articolo vedremo quali requisiti occorre soddisfare, dove richiederla e come usarla. Premettiamo soltanto che con l'emergenza Coronavirus il Governo ha inteso fissare particolari condizioni di accesso per tutto il 2020.

Carta Famiglia 2020: cos’è

La Carta Famiglia è un’agevolazione concessa a tutte le famiglie con almeno 3 figli sotto i 26 anni. E' bene chiarire subito che alla base dell’agevolazione non ci sono bonus fiscali né contributi economici: con la Carta Famiglia sarà possibile unicamente ricevere degli sconti sull'acquisto di beni e prodotti alimentari, beni l’igiene della casa e della persona, articoli di cartoleria e cancelleria, libri, prodotti di abbigliamento e calzature, medicinali ecc.

Naturalmente la Carta Famiglia non è l'unica agevolazione riservata ai nuclei familiari: ad essa si associano altre misure di sostegno me la carta acquisti, il bonus cultura, il bonus bebè e il bonus mamma, gli assegni familiari, il bonus gas e il bonus elettrico, il bonus nido, il reddito di cittadinanza e via discorrendo.

Carta Famiglia: come funziona

Comprendere il funzionamento di Carta Famiglia è davvero molto semplice. In pratica il genitore che la richiede ne diventa titolare, dunque può esibirla presso gli esercizi convenzionati insieme ad un documento di riconoscimento, per ottenere l'agevolazione.

Agevolazione che può consistere in uno sconto sull'acquisto, nell'applicazione di particolari condizioni per la fruizione di servizi o in riduzioni tariffarie. La percentuale di sconto conseguibile tramite l’esibizione della Carta Famiglia non è univoca, ma cambia in funzione dell'accordo che il proprietario dell'esercizio ha stipulato con le amministrazioni. 

Carta Famiglia: chi ne ha diritto

In sintesi ci sono solo 3 requisiti da rispettare per poter richiedere la Carta Famiglia:

  • essere cittadini italiani ovvero europei (sono esclusi i cittadini di paesi extraeuropei)
  • avere nel proprio stato di famiglia (conviventi) almeno 3 figli under 26 (anche adottivi);
  • essere regolarmente residenti nel territorio italiano

Non è prevista alcuna soglia con riferimento all'ISEE.

Nel caso in cui siano presenti nel nucleo familiare anche figli in affidamento, la Carta Famiglia sarebbe ottenibile per il periodo di permanenza degli stessi nellafamiglia.

Alla luce dell'emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Coronavirus, il Governo ha disposto che per il 2020 la carta famiglia possa essere richiesta da tutti i nuclei con almeno un figlio a carico. Il Dipartimento è al lavoro per consentire anche a queste famiglie di registrarsi in piattaforma.

Carta famiglia: dove e come richiederla

Dal 18 Marzo è attiva all'indirizzo https://www.cartafamiglia.gov.it/cartafamiglia la piattaforma attraverso la quale gli aventi diritto possono registrare il proprio nucleo familiare e richiedere la carta famiglia. A tale fine occorre disporre delle credenziali Spid.

La piattaforma provvederà a generare e a rilasciare ad uno dei due genitori (non entrambi) un carta in formato digitale, con relativo Pin.

Per assistenza tecnica sulla Carta, è possibile rivolgersi al numero di telefono: (+39) 800 863 119.

Carta famiglia 2020: gli esercizi convenzionati

Qualunque attività commerciale può convenzionarsi e offrire sconti attraverso la carta. Hanno offerto la loro disponibilità all'iniziativa esercizi come Coop, Conad, Amazon, Mediaworld, ecc.

E' importante, tuttavia, che il negozio - sia fisico che online - si registri al portale www.cartafamiglia.gov.it/cartafamiglia/ nella sezione “Area esercenti”. A tal fine è necessario disporre delle credenziali Entratel/Fisconline dell’Agenzia delle Entrate. 

L'esercente in particolare dovrà indicare la propria partita iva, i prodotti su cui intende applicare l'agevolazione e la percentuale di sconto che intende offrire. A tal riguardo va detto che gli esercenti sono obbligati ad offrire almeno il 5% di sconto rispetto al prezzo offerto al pubblico.

Per informare la propria cliente l'esercente puoi utilizzare il kit disponibile in piattaforma: loghi, cartelli, grafiche da esporre in vetrina o pubblicizzare sui canali social.

Dove utilizzare la carta

La carta può essere mostrata nei negozi fisici e nei portali online convenzionati. Per scovarli basta recarsi sul sito https://www.cartafamiglia.gov.it/cartafamiglia/ ed entrare nella sezione "Dove usare la carta".

Se si tratta di un negozio fisico basta mostrare al cassiere il codice identificativo della tua carta, questi verificherà l'attivazione e registrerà di conseguenza lo sconto.

Se si tratta di un negozio online, al momento del pagamento basta cercare il logo della carta ed inserire il codice identificativo. Il sito controllerà se la carta è attiva e registrerà lo sconto.

Scadenza della carta famiglia

La carta scade automaticamente nel momento in cui la famiglia non può più contare su tre figli conviventi, anche adottivi, di età inferiore ai 26 anni. Per chi ha meno di tre figli a carico, la carta scade il 31 dicembre 2020.

Sconto non concesso: che fare?

In questi casi la prima cosa da fare è verificare che il prodotto/servizio acquistato rientri fra quelli oggetto di sconto tramite la carta. Se la verifica da esito positivo, non resta che inoltrare una segnalazione all'indirizzo cartafamiglia@governo.it.

Documenti correlati


51446 - Redazione
30/01/2018
Luigi, non possiamo che convenire con lei ...

51441 - Luigi M.
30/01/2018
Salve, prendo 850 euro mensili di pensione, ho a carico tre figlie dal primo matrimonio di anni 18, 25 e 28 che ancora studiano. Dal secondo matrimonio ho una bimba di 5 anni che condivido con mia moglie che ha due mutui. Le tre figlie di cui sopra, sono peggio dei minorenni per quanto riguarda le spese, università, affitto fuori sede ecc...... Perchè io devo essere discriminato? Grazie Luigi


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio