Recesso acquisto online: ecco cosa fare se si cambia idea

Tutti i segnali e gli indicatori sull'eCommerce descrivono un settore in salute e costante crescita in Italia. Del resto fare acquisti online è semplice, comodo, fa risparmiare tempo e consente di confrontare prezzi e prodotti standosene comodamente seduti davanti al proprio computer o smartphone. Ma è bene ricordare che quando si acquista su Internet un notebook , una bici o un servizio di consulenza il consumatore gode del diritto di recesso acquisti online. Vediamo insieme in cosa consiste, a chi spetta e come esercitarlo.

Diritto di recesso acquisti online: in cosa consiste

La legge, più precisamente il Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 ("Codice del Consumo"), modificato dal D.Lgs.21/2014, prevede espressamente che in caso di acquisti effettuati online, il consumatore abbia il diritto di ripensarci, ossia di tornare sui propri passi restituendo quanto acquistato e facendosi rimborsare il prezzo pagato.

Perché la legge ha inteso tutelare il consumatore da questo genere di operazioni? Per il semplice motivo che negli acquisti online il consumatore non potendo toccare con mano il prodotto, non è in grado di valutare e apprezzare le sue caratteristiche e qualità e in buona sostanza non è in grado di capire appieno se sta effettuando un buon acquisto.   

Lo stesso diritto è previsto per altre fattispecie di acquisti a distanza (ad es. effettuate tramite telefono, tv o posta) e per gli acquisti conclusi fuori dal locale commerciale (ad es. per strada, a casa del consumatore, presso un centro commerciale, ecc.).

E bada bene: il consumatore non è tenuto a fornire alcuna giustificazione al venditore nè a presentare alcuna documentazione.

Chi ha "diritto a ripensarci"

Gode di questo diritto solo il consumatore, ossia la persona fisica che effettua l'acquisto per scopi non connessi alla sua attività imprenditoriale o professionale.

Per intenderci se Rossi acquista una fotocopiatrice e fa intestare la fattura alla propria azienda, non può poi pretendere di restituire il prodotto invocando il diritto di ripensamento.

Diritto di recesso acquisti online: quando non si applica

Tale diritto non può essere invocato se il consumatore

  • ha compiuto l'acquisto presso i locali del venditore (in questo caso è nella facoltà del venditore concedere al cliente la possibilità di sostituire, a certe condizioni, la merce acquistata);
  • ha sottoscritto prodotti finanziari e assicurativi;
  • ha ordinato beni confezionati su misura o personalizzati;
  • ha richiesto la fornitura di beni soggetti a deterioramento o a breve scadenza;
  • ha effettuato prenotazioni di hotel, ristoranti, ecc.;
  • ha effettuato scommesse su eventi sportivi, ecc.;
  • ha acquistato beni sigillati che non si prestano ad essere restituiti per motivi igienici o che sono stati aperti dopo la consegna;
  • ha acquistato DVD musicali o software informatici sigillati che sono stati aperti dopo la consegna;
  • ha ordinato giornali, periodici e riviste (non ricompresi nel contratto di abbonamento);
  • ha concluso un contratto in occasione di un’asta pubblica;
  • ecc.;

Entro quali termini va esercitato il diritto

Per esercitare il diritto di ripensamento il consumatore è tenuto ad inviare una comunicazione entro 14 giorni dall'acquisto.

Tale termine decorre (art. 65 comma 2 D.Lgs. 206/05) per un contratto di fornitura di beni dalla data del ricevimento degli stessi da parte del consumatore, mentre per un contratto che ha per oggetto la prestazione di servizi dalla data di conclusione del contratto.

Il termine può considerarsi rispettato se prima dello scadere dei 14 giorni il consumatore effettua materialmente la raccomandata (non conta dunque la data di recapito al destinatario) o provvede all'invio della PEC.

Il consumatore potrebbe comunicare la propria intenzione anche via email, ma solo se previsto esplicitamente dal contratto sottoscritto, oppure dalle condizioni generali o dalla carta dei servizi.

Se il venditore non informa correttamente il cliente, il termine per recedere sale a 12 mesi.

Il diritto di recesso acquisti online comporta dei costi?

La risposta è no. Al consumatore non può essere addebitato alcun costo o penale, il che significa che il venditore è tenuto a restituire al proprio cliente l'intero importo da questi corrisposto.

Al consumatore va restituito anche la somma corrisposta per la consegna iniziale della merce. E' bene tuttavia precisare che a tal riguardo potrebbero essere rimborsabili solo le spese di consegna standard, ragion per cui si consiglia sempre di verificare cosa è previsto nello specifico dalle condizioni di vendita.

Attenzione: qualora il consumatore avesse aderito, ad esempio, ad un contratto di telefonia o di fornitura del gas, richiedendo esplicitamente l’attivazione durante il periodo di recesso, sarebbe tenuto a pagare la tariffa per i servizi di cui hai usufruito sino a quel momento.

Recesso acquisti online: come effettuarlo

Il consumatore deve inoltrare all’indirizzo del venditore una comunicazione scritta, preferibilmente mediante raccomandata con avviso di ricevimento o tramite PEC. Questo i modelli a cui ispirarsi: 

Qualora si trattasse di un acquisto compiuto a casa o all'interno di un gazebo posto in un centro commerciale o nella piazza cittadina, si potrebbe utilizzare questo specifico 

Entro lo stesso termine il consumatore deve restituire a proprie spese il prodotto. Questo deve risultare integro e in normale stato di conservazione, completo di tutti gli eventuali accessori e contenuto nella confezione originale.

Cosa deve fare il venditore

Dal canto suo il venditore ha l’obbligo di restituire le somme percepite entro e non oltre 14 giorni dalla data in cui ha saputo del recesso, utilizzando lo stesso metodo di pagamento dell’acquirente. 

Tuttavia può trattenere ogni somma fino a quando non abbia ricevuto la merce o non gli venga data prova della sua spedizione.

Acquisti online: cosa fare in caso di mancata consegna

Se la merce ordinata (e pagata) non viene consegnata, come prima cosa occorre contattare il venditore per capire se la consegna è effettivamente avvenuta ed eventualmente quali possono essere i motivi del ritardo.

Se telefonicamente o via email non se ne venite a capo, meglio inviargli una lettera di messa in mora dettando un termine per adempiere e specificando che, in difetto, il contratto dovrà ritenersi risolto con conseguente rimborso della prezzo pagato. Questo un

mentre questo il modello di

da scaricare e personalizzare.

Chiaramente in questi casi la lettera va trasmessa al venditore per raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite PEC (a patto che anche il consumatore ne abbia una).

Se nonostante la diffida scritta la consegna non viene effettuata, il consumatore può pretendere (sempre tramite una comunicazione scritta) l'annullamento del contratto e l'ottenimento del rimborso di quanto speso oltre che l'eventuale risarcimento danni.

Se non si ottiene alcuna risposta perché ad esempio il venditore nel frattempo si è reso irreperibile (potrebbe trattarsi di una truffa bela e buona), allora il consumatore potrebbe chiedere direttamente all'istituto emittente un disconoscimento addebito carta di credito.

Danni da trasporto: come comportarsi 

Abbiamo già scritto su come comportarsi nel caso in cui il consumatore riceva un pacco danneggiato. In quella occasione abbiamo anche segnalato una

da scaricare e compilare.

Qui vogliamo solo ricordare che se il trasporto o la spedizione è a cura del venditore, ricade su di lui ogni responsabilità per la perdita o il danneggiamento della merce.

La responsabilità passa invece all’acquirente nel momento in cui egli:

  • provvede personalmente al ritiro e al trasporto della merce;
  • sceglie un vettore diverso da quello proposto dal commerciante.

Chiaramente in quest’ultimo caso l’acquirente potrà rivalersi nei confronti del corriere.

Recesso acquisti on line per prodotti difettosi

Tutti gli acquisti, dunque anche quelli effettuati online, beneficiano della “garanzia legale”.

In pratica se per un periodo di 2 anni dall’acquisto (1 per i prodotti usati), il prodotto manifesta un difetto di conformità o un malfunzionamento, il consumatore può chiedere al negoziante la riparazione o la sostituzione del prodotto difettoso senza alcuna spesa.

Dal momento in cui scopre il difetto il consumatore ha 2 mesi di tempo per effettuare la segnalazione. Questa la

Se la riparazione è impossibile o troppo onerosa per il venditore e la sostituzione non è praticabile (ad es. quel determinato prodotto non è più in commercio), il consumatore può chiedere 

  • uno sconto sul prezzo di acquisto oppure
  • la risoluzione del contratto con restituzione del prodotto difettoso e contestuale rimborso del prezzo pagato.

Ai fini della garanzia legale è sufficiente che il consumatore conservi lo scontrino fiscale o comunque una traccia della spesa effettuata (estratto da cui si evinca l'addebito sul conto o sulla carta di credito, ricevuta di bonifico, ecc.).

Documenti correlati


52066 - Redazione
03/05/2018
Agnese, se ha fatto l'ordine su Internet ha 14 giorni per recedere dal contratto, senza spese e senza neppure specificare il motivo. Lo stabilisce l'art. 64 del Codice del Consumo (D.Lgs. n° 206 del 06 Settembre 2015). Le consigliamo di inviare al venditore un diffida scritta.

52048 - Agnese
02/05/2018
Salve, ho ordinato delle gomme per la mia auto.. mi hanno mandato la fattura e nemmeno un'ora dopo (dopo che ho controllato la fattura), ho chiesto di modificare l'ordine, perché le gomme errano errate. Il venditore non ha risposto per giorni.. ora mi dice che devo pagare le spese di recesso anche se l'ordine ancora risulta non evaso. Come posso riavere i miei soldi senza pagare spese di recesso? O come posso ottenere la modifica dell'ordine, visto che non è ancora stato spedito? Grazie mille

51049 - Nadia
03/12/2017
Ho ordinato un pacco con groupon.. Ma è arrivato a un altro indirizzo e città.. Si prendono tempo per trovare la soluzione cosa devo fare? GRAzie

49620 - Angelica M. R.
12/06/2017
35846 - Redazione 13/02/2015..........se l'apparato wifi per internet e rete fissa viene consegnato dopo 20 gg in più, a seguito di un contratto stipulato telefonicamente con un gestore, come tutelarsi dal recesso ripensamento dopo i 14 gg ??? Nessun cartaceo è giunto per posta e nonostante la raccomandata inviata con relativa spedizione dell'appartato ai recapiti stabiliti ed entro 14 gg. il Gestore minaccia di adire per le vie legali per il mancato pagamento di oltre 300 euro fatturate, nonostante il mancato utilizzo del servizio perchè non funzionante. Richieste di sollecito riscontro inascoltate... mentre veniva utilizzato il gestore precedente ancora funzionante con relativo pagamento delle fatture dovute. Come bloccare questa tentata estorsione ???

47790 - Redazione
09/12/2016
Gaetano, in effetti superata la scadenza non è più possibile attivare la procedura di rimborso su Groupon.

47780 - Gaetano
08/12/2016
Ho acquistato su groupon un ticket per un menu in un ristorante, utilizzabile entro il 13-11-2016, mi sono reso conto solamente il 07-12-2016 che era scaduto. Ho inviato un messaggio alla sede della groupon chiedendo il rimborso della somma spesa, in alternativa usufruire comunque oggi del menu pagato 75,00 Euro e non utilizzato. Risposta: se la comunicazione viene inviata oltre la data prevista di legge, non è possibile aprire una pratica di rimborso.

46744 - Redazione
26/09/2016
Luca, chiaramente non può più avvalersi del diritto di ripensamento dal momento che i termini sono ampiamente decorsi, ma visto che non ha la possibilità di riscattare il coupon per cause a lei non imputabili, può comunque chiedere all'esercente il rimborso di quanto pagato. Se l'acquisto è stato fatto su Groupon legga questo articolo.

46733 - Luca
24/09/2016
Salve a luglio ho ordinato un coupon per un tatuaggio ma ora chiamando la titolare mi ha detto di aver chiuso lo studio e nel caso di andarmelo a fare a casa ma non mi sembra piu il caso ho ancora diritto al rimborso??? E se si come posso fare?? Grazie

45570 - Redazione
12/05/2016
Marirosa, crediamo di non aver ben compreso la sua domanda. La disdetta ad Euroclub può essere comunicata entro i 14 giorni dalla sottoscrizione di adesione, oppure dopo aver acquistato almeno 10 articoli.

45545 - MARIROSA R.
11/05/2016
Ho contattato il negozio EUROCLUB di Brescia, dove sono socia. Per motivi vari di famiglia e trasferimenti, vorrei recedere dalla sottoscrizione. Mi è stato dato un numrero 199114455 oppure la possibilità di comunicare la disdetta on line mediante posta elettronica. Preso nota dell'indirizzo di posta elettronica, al quale provvederò a mandare la disdetta, non ho visto tra le varie opzioni di disdetta (entro i 14 gg ddall'acquisto, dopo 12 mesi dall'iscrizione etc.. ) la mia, ovvero la richiesta di disdetta senza motivi pertinenti all'Euroclub, ma solo personali. Spero di ricevere risposta. Premetto che il Vostro negozio di Brescia in Corso Palestro ha dimostrato sempre la massima cortesia. Grazie Marirosa R.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio