Rimborso Ryanair: quando richiederlo e come ottenerlo

rimborso ryanair, rimborso volo ryanair

Quanti motivi hai per preferire l’aereo ad altri mezzi di trasporto? Tanti, ne siamo certi. Viaggiando in aereo risparmi tempo, eviti le fermate intermedie che ti dividono dalla destinazione e ti stanchi meno. Se poi scegli di acquistare un titolo di viaggio Ryanair i vantaggi raddoppiano: grazie alla sua massiccia presenza negli aeroporti di tutta Europa e ai suoi prezzi competitivi potrai spostarti da una città all’altra o da un paese all’altro in modo facile, veloce ed economico. Insomma con Ryanair ti assicuri prezzi bassi e un servizio sempre efficiente. Questo non significa che con la compagnia irlandese non si possa comunque andare incontro a dei disservizi dovuti ad esempio a ritardi o cancellazioni. Se mai dovessi patire disagi prima, durante e dopo il volo non esitare a richiedere il rimborso Ryanair. In questo articolo ti diciamo quando di spetta e soprattutto come fare per richiederlo.

Ryanair voli economici

Ti stai forse chiedendo se Ryanair è più economico delle compagnie aeree concorrenti e di altri mezzi di trasporto? Spesso e volentieri sì. Seguendo le indicazioni contenute nell’articolo “Prenotazione voli: ecco come risparmiare” avrai modo di scovare le migliori offerte e acquistarle in tutta sicurezza. Spesso, durante il corso dell’anno, Ryanair offre ai clienti la possibilità di prenotare voli aerei a prezzi davvero competitivi, tanto da essere addirittura più convenienti dei titoli di viaggio ferroviari per la tratta equivalente. In non rare occasioni si riesce addirittura a viaggiare all'interno dell'Europa con poche decine di euro. Il fatto di poter offrire bassi prezzi ai propri clienti è legato al fatto che Ryanair è una compagnia "low cost". Si tratta di un termine che tradotto letteralmente significa "basso costo": in pratica la compagnia riesce ad offrire tariffe estremamente convenienti rispetto ai voli tradizionali, per il semplice fatto che il biglietto aereo  include solo ed esclusivamente il servizio di trasporto da una località all'altra. Confort ed extra restano, dunque, esclusi: così si pagano a parte le consumazioni, si utilizzano spesso aeroporti secondari, si paga un extra se si intende mettere una valigia in più in stiva (con Ryanair dal 15 Gennaio 2018 è possibile portare a bordo 2 soli bagagli a mano se si acquista “Priorità e 2 bagagli a mano”) e così via.

Il fatto di assicurare basse tariffe non significa naturalmente offrire alla clientela un servizio di trasporto qualitativamente non adeguato. Devi sapere, infatti, che i voli Ryanair vantano davvero una bassissima percentuale di ritardi, mentre l’overbooking è praticamente inesistente, dato che la società non offre ai passeggeri la possibilità di comprare più biglietti rispetto agli effettivi posti a sedere. Ma il fatto di praticare una politica di bassi prezzi, non significa neppure essere superficiali o carenti dal punto di vista della sicurezza. Ryanair, infatti, è una di quelle compagnie che riesce a mantenere gli standard di sicurezza dei voli richiesti dalla normativa internazionale.

Tutto ciò premesso sarebbe impensabile una situazione che vede i voli con Ryanair privi di qualunque problematica o disagio. E' normale che anche con questa compagnia low cost si possano verificare dei disservizi legati ad esempio alla prenotazione, allo smarrimento del bagaglio piuttosto che alla cancellazione improvvisa del volo. Ma il viaggiatore in questo caso non ha nulla da temere, visto che anche Ryanair, al pari di altre compagnie, è tenuta a rispettare il Regolamento (CE) 261/2004, che sancisce uno ad uno i diritti dei passeggeri. Non è tutto: ci sono dei casi ben precisi in cui la compagnia accorda rimborsi e risarcimenti ai passeggeri che hanno subito un disservizio. Per conoscere in quali casi è possibile ricevere un rimborso Ryanair non devi far altro che continuare a leggere i paragrafi che seguono. Ti spiegheremo tutto nei dettagli: in quali casi è previsto il rimborso, come richiederlo e come eventualmente inviare un reclamo alla compagnia.

Rimborso Ryanair biglietto non utilizzato

Secondo quanto pubblicato da Ryanair sul proprio sito ufficiale www.ryanair.com nella pagina relativa a Termini e Condizioni, nel caso in cui tu decidi di rinunciare al volo o non ti presenti in tempo utile all'imbarco perdendo di fatto l'aereo, puoi ottenere si il rimborso del biglietto, ma limitatamente agli importi relativi alle tasse governative, ai servizi aeroportuali per i passeggeri, alle imposte per la sicurezza e a qualsiasi tariffa imposta da Ryanair per particolari servizi connessi al volo. Dunque resta esclusa la tariffa relativa al volo, questo significa che nel caso in cui rinunci al volo non puoi pretendere il rimborso integrale del biglietto pagato. Chiaramente, se acquisti il titolo di viaggio ad una tariffa promozionale che non include né tasse governative né supplementi aeroportuali, non ti sarà possibile ottenere alcuna somma di denaro a titolo di rimborso.

Come espletare la richiesta per il rimborso Ryanair? La compagnia è piuttosto chiara: occorre inviare la lettera rimborso Ryanair per biglietto non utilizzato entro un mese dalla data del volo che non è stato possibile effettuare, seguendo le istruzioni scritte nel paragrafo relativo alle procedure attuabili.

Rimborso Ryanair volo cancellato

L’articolo 10.2 di Termini e Condizioni sopra citati stabilisce che, salvo nei casi previsti dalla Convenzione o dal Regolamento (EC) No. 261/2004, è possibile ottenere il rimborso Ryanair totale (tariffa + tasse) nel caso in cui il volo venisse cancellato. Nello specifico, il rimborso Ryanair verrà disposto nei seguenti casi:

  • se il volo viene cancellato;
  • se non risulta possibile effettuare il volo;
  • se la rotta viene sospesa o interrotta.

Il rimborso Ryanair verrà elaborato entro 7 giorni lavorativi e riaccreditato al passeggero tramite la forma di pagamento usata per la prenotazione originale. La compagnia specifica che i passeggeri riceveranno un rimborso per ogni sezione di volo compresa nella Conferma di Itinerario che non sia stata utilizzata per uno qualunque dei motivi appena elencati. Ciò significa che se compri un volo da Parigi ad Atene con scalo a Bergamo, ma durante lo scalo il volo viene cancellato, ti sarà rimborsata la tratta Bergamo - Atene. L’importo del rimborso Ryanair dovrà comprendere la tariffa applicata al volo, le tasse governative, eventuali supplementi aeroportuali e corrispettivi annessi.

Il rimborso, però, non è la sola opzione che hai a tua disposizione. Secondo il Regolamento (CE) 261/2004 se il tuo volo viene cancellato, hai due opzioni. La prima è quella di chiedere un rimborso e acquistare un nuovo biglietto aereo; la seconda invece ti permette di cambiare gratuitamente il volo cancellato con un altro volo Ryanair.

Come si cambia il volo - Sul sito ufficiale si legge che la compagnia farà il possibile per ospitarti a bordo del primo volo Ryanair disponibile, nello stesso giorno o il giorno successivo. Se non fosse possibile, potrai essere sistemato a bordo del primo volo Ryanair disponibile da/per un aeroporto alternativo adeguato all’interno dello stesso Paese. Nel caso in cui nemmeno questa alternativa fosse attuabile, Ryanair prenoterà un posto su un volo di una compagnia partner con cui ha stabilito accordi, al fine di limitare quanto più possibile il tuo disagio. Le compagnie aeree a disposizione sono: EasyJet, Jet2, Vueling, CityJet, Aer Lingus, Norwegian o Eurowings. Se non sarà possibile prenotare un posto sui voli di suddette compagnie il giorno stesso o il giorno seguente, Ryanair provvederà a prenotare un titolo di viaggio per un qualsiasi altro mezzo di trasporto “comparabile e ragionevole” fino alla tua destinazione finale. Tra le opzioni disponibili figurano: treno, autobus, altra compagnia aerea, auto a noleggio. In questo caso, però, il consiglio sarebbe quello di prenotare i voli o le tratte da solo e di inviare successivamente le ricevute a Ryanair per il rimborso.

Procedura per modificare l’itinerario - Quello che ti consigliamo di fare, non appena apprendi che il volo è stato cancellato, è recarti presso i desk Ryanair presenti in aeroporto e farti servire dal personale specializzato. In alternativa, puoi consultare la FAQ relativa al servizio clienti disponibile a questo indirizzo. Quando verrai trasferito su un nuovo volo Ryanair potrai procedere al check-in tramite l’applicazione e salvare la carta d'imbarco sullo smartphone. Ti basterà mostrarla al personale aeroportuale per validare il titolo di viaggio. In alternativa potrai eseguire il check-in online dal sito e ristampare la carta d'imbarco oppure recarti prima in aeroporto e procedere al check-in il giorno stesso. Nel caso in cui dovessi attendere tutta la notte per imbarcarti sul primo volo disponibile, potresti recarti presso la biglietteria e lasciare che il personale si occupi della tua sistemazione.

Risarcimento Ryanair volo cancellato

Devi sapere che in caso di cancellazione del volo, il passeggero ha diritto di ricevere da Ryanair non solo il rimborso del biglietto, ma anche un risarcimento che si quantifica in:
- 250 euro per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri;
oppure
- 400 euro per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri.

Tuttavia il risarcimento si riduce del 50% se il passeggero ha accettato un volo alternativo che gli ha consentito di giungere sul luogo di destinazione con un ritardo rispetto all'orario originale non superiore a:
- 2 ore, per tutte le tratte aeree pari o inferiori a 1500 km;
oppure
- 3 ore, per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le altre tratte aeree comprese fra 1500 e 3500 km.

Tuttavia in caso di cancellazione del volo, Ryanair potrà rifiutare di riconoscere il risarcimento al passeggero se questi:
- è stato informato della cancellazione almeno due settimane prima della partenza prevista;
oppure
- è stato informato della cancellazione nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima della partenza prevista e gli è stato offerto un volo alternativo che gli consente di partire non più di due ore prima dell'orario previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di quattro ore dopo l'orario d'arrivo previsto;
oppure
- è stato informato della cancellazione meno di sette giorni prima della partenza prevista e gli è stato offerto un volo alternativo che gli consente di partire non più di un'ora prima dell'orario previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di due ore dopo l'orario d'arrivo previsto.

Altresì Ryanair potrà non riconoscere il risarcimento se riesce a dimostrare che la cancellazione del volo è dovuta a circostanze eccezionali, come ad esempio il verificarsi di un attentato terroristico, la presenza di condizioni metereologiche proibitive, l'organizzazione di uno sciopero e così via.

Questo è il modulo richiesta indennizzo per cancellazione del volo aereo che puoi scaricare da Moduli.it, compilare in ogni sua parte e spedire tramite posta raccomandata A/R a questo indirizzo:

Customer Service Department 
PO Box 11451, 
Swords
Co Dublin
Ireland.

In alternativa, puoi seguire il procedimento descritto nel paragrafo relativo alle procedure attuabili.

Per approfondire questo argomento ti consigliamo di leggere “Volo cancellato: come chiedere rimborsi e indennizzi”.

Rimborso Ryanair overbooking

Come abbiamo già scritto in premessa Ryanair non pratica l'overbooking, ovvero la prenotazione di passeggeri in numero superiore ai posti disponibili. Tuttavia nella remota ipotesi in cui ciò dovesse verificarsi, Ryanair prima di negare l'imbarco a passeggeri non consenzienti, fa appello a volontari disposti a rinunciare al proprio posto in cambio di una compensazione da concordare tra il volontario e la compagnia. Il passeggero che rinuncia spontaneamente al proprio posto spetta la scelta tra:

  • il rimborso entro 7 giorni del prezzo del biglietto;
  • la riprotezione, ossia l'imbarco su un volo alternativo verso la destinazione finale con partenza il prima possibile o in una data successiva più conveniente per il passeggero, in condizioni di trasporto comparabili e secondo la disponibilità dei posti.

Se il numero dei volontari non è sufficiente, Ryanair si troverà costretta a negare l'imbarco a dei passeggeri non consenzienti. A loro la compagnia aerea irlandese dovrà assicurare non solo la scelta tra rimborso del biglietto e riprotezione, ma anche assistenza e compensazione pecuniaria.

In particolare l'assistenza consiste nell'assicurare ai passeggeri rimasti a terra pasti e bevande, eventuale sistema in albergo, trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione e viceversa e perfino (ma sicuramente meno importante) due chiamate telefoniche o messaggi via fax o e-mail.

La compensazione pecuniaria, invece, consiste in un risarcimento forfetario il cui importo varia in funzione della tratta aerea (intra-comunitaria o internazionale) e della distanza in Km:

  • 250 euro per tratte inferiori o pari a 1.500 Km;
  • 400 euro per tratte intracomunitarie oltre 1.500 Km e per tutte le tratte comprese tra 1.500 e 3.500 Km;
  • 600 per tratte superori a 3.500 Km.

Come già detto per le cancellazioni dei voli, la compensazione pecuniaria può essere ridotta del 50% nel caso in cui la compagnia aerea offra la riprotezione su un volo alternativo sino alla destinazione finale con un ritardi massimo di 2, 3 o 4 ore (per i collegamenti fino a 1.500, 3.500 o oltre 3.500 km).Ryanair sul proprio sito puntualizza le modalità in cui verrà corrisposto il risarcimento ai passeggeri, nel caso in cui venisse

Su Moduli.it hai la possibilità di scaricare gratuitamente il fac simile per chiedere a Ryanair il risarcimento danni da overbooking.

Rimborso Ryanair per decesso

L’articolo 10.3 di Termini e Condizioni Ryanair stabilisce che nel caso in cui subissi la perdita un parente stretto (consorte, compagno, madre, padre, fratello, sorella, figlio, nonno o nipote) nei 28 giorni che precedono il volo prenotato, ti sarà possibile ottenere il rimborso totale della somma pagata per il tuo biglietto. Ciò significa che Ryanair ti restituirà l’importo della tariffa, quello delle tasse e di eventuali supplementi aeroportuali. Chiaramente sarà necessario eseguire la procedura di richiesta correttamente, seguendo le istruzioni che tra poco di daremo, facendo attenzione ad allegare al modulo di rimborso Ryanair anche il certificato di morte dell’interessato.

L’articolo 10.4, invece, contiene le istruzioni per chiedere il rimborso del biglietto di un passeggero che ha prenotato il volo, ma ora versa in un pessimo stato di salute oppure è deceduto. Ryanair ti offre la possibilità di ottenere il rimborso del biglietto aereo se il passeggero che ha prenotato è stato colto da una grave malattia e di fatto è impossibilitato a viaggiare o peggio è venuto a mancare. Nel caso in cui la malattia fosse tale da impedire il viaggio solo per un periodo momentaneo, sarebbe possibile chiedere alla compagnia la modifica della data del viaggio, purché venga fornita un’adeguata documentazione in anticipo rispetto alla data del viaggio.

La modifica della data di partenza e il rimborso Ryanair sono due procedure valide sia per la prenotazione del passeggero interessato sia per la prenotazione degli altri soggetti inclusi sullo stesso codice di prenotazione. Le istruzioni relative alla procedura di rimborso sono contenute in questo testo, nel paragrafo “Ryanair rimborso del biglietto: le procedure attuabili”.

Rimborso Ryanair ritardo

Ryanair disciplina naturalmente anche le condizioni che regolano il ritardo di un proprio volo. Così nel caso in cui il volo Ryanair venga ritardato rispetto all'orario di partenza previsto

  • di due o più ore per tutte le tratte inferiori a 1500 km, oppure
  • di tre ore o più per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le altre tratte aeree comprese tra 1500 e 3500 km oppure
  • di quattro o più ore per le tratte più lunghe di 3.500 km al di fuori dell'Unione europea

in qualità di passeggero hai diritto innanzitutto all'assistenza da parte della compagnia: pasti e bevande e sistemazione in albergo, nel caso in cui il nuovo orario di partenza sia spostato di almeno un giorno rispetto a quello originale. Qualora Ryanair non sia in grado di assicurare direttamente tale assistenza, dovrà rimborsare ai passeggeri le spese sostenute a tale titolo (gli importi devono essere ragionevoli) dietro presentazione di richiesta di rimborso corredata da ricevute a: Ryanair Customer Services Dept., P.O Box 11451, Swords, Co.Dublin, Irlanda.

Inoltre se il volo subisce un ritardo di più di 3 ore rispetto all’orario di atterraggio inizialmente previsto (e non ricorrano circostanze di carattere eccezionale), quale passeggero hai diritto a ricevere da Ryanair l'identico risarcimento previsto per la cancellazione dei voli. Questo è il modulo di richiesta indennizzo per ritardo volo aereo che puoi scaricare gratuitamente da Moduli.it e inviare tramite posta raccomandata A/R a questo indirizzo:

Customer Service Department 
PO Box 11451, 
Swords
Co Dublin
Ireland.

Tale indennizzo può essere goduto dai passeggeri di titoli di viaggio Frequent Flyer, dai passeggeri che hanno comprato il biglietto ad una tariffa speciale o altre promozioni riservate agli operatori turistici. Non possono ottenere l’indennizzo, invece, i passeggeri che pagano una tariffa ridotta non accessibile ai normali consumatori. Come per la cancellazione voli, anche in questo caso, se la compagnia aerea ti propone un volo alternativo e raggiungi la destinazione finale con un ritardo di 2, 3 o 4 ore, l'indennizzo può essere ridotto del 50%.

Infine se il volo è ritardato di almeno cinque ore e scegli di rinunciare al viaggio, hai diritto al rimborso entro 7 giorni del prezzo pieno del biglietto.

Non è tutto: qualora il ritardo del volo ti causasse un danno diretto, prevedibile e imputabile alla compagnia, essa stessa potrà risarcirti per un massimo di 4.831,00 euro. Per saperne di più ti consigliamo di leggere: “Volo in ritardo? Ecco come farsi risarcire”.

Procedura rimborso Ryanair

Passiamo dalla teoria alla pratica, andando a vedere quali sono le procedure attuabili per chiedere il rimborso Ryanair. Ci sono due modi per intraprendere la procedura: te li elencheremo qui sotto, di modo che tu possa valutarli con maggiore chiarezza e scegliere quello che fa per te.

1. La procedura classica: puoi redigere una comunicazione scritta a Ryanair nella quale esplicitare la richiesta di rimborso oppure scaricare gratuitamente la modulistica su Moduli.it e compilarla in ogni sua parte. Dopo averla firmata e corredata da un documento d’identità in corso di validità sarà possibile inviarla tramite posta raccomandata A/R a questo indirizzo: Customer Service Department, PO Box 11451, Sword, Co Dublin, Irlanda. Attenzione: la lettera dovrà arrivare a destinazione entro 30 giorni dalla data originale del volo, altrimenti la richiesta non verrà presa in considerazione.

2. La procedura online: puoi collegarti al sito ufficiale Ryanair e compilare il modulo online per richiedere il rimborso del biglietto. Questo è il form di richiesta rimborso Ryanair che puoi compilare online in ogni sua parte e inoltrare al sistema. Fai attenzione, soprattutto nella prima parte della compilazione, laddove ti viene chiesto di scegliere la giusta motivazione per il rimborso. Tra le alternative presenti, ci sono tutte quelle che abbiamo citato qui sopra: volo non utilizzato, volo in ritardo, volo cancellato, decesso o grave malattia di chi ha prenotato il volo o di un parente stretto, più il rimborso UK APD. Di cosa si tratta?

In pratica, il Regno Unito ha abolito la tassa sui passeggeri dei voli aerei del Regno Unito per i bambini di età compresa tra i 2 e gli 11 anni, che viaggiano su voli in partenza da aeroporti del Regno Unito, dal 1 maggio 2015 in poi. Ryanair ha esteso il periodo concesso per suddetti rimborsi dal 27 marzo 2015 in poi. Di conseguenza, è possibile richiedere il rimborso della tassa sui passeggeri dei voli aerei del Regno Unito per i propri figli, purché essi abbiano questi requisiti:

  • età compresa tra i 2 e gli 11 anni a partire dalla data di partenza del volo UK;
  • imbarco su un volo tenutosi dal 27 marzo 2015 in poi.

Problemi rimborso Ryanair

La richiesta di rimborso Ryanair è sempre contestuale ad un reclamo. Ciò significa che per esercitare i tuoi diritti devi segnalare alla compagnia aerea che qualcosa è andato storto, che hai subito un disservizio e dopo aver conosciuto quali sono i tuoi diritti in merito, vuoi esercitarli chiedendo appunto un rimborso ed eventualmente un indennizzo. 

Nel caso in cui tu prediligessi la modalità telematica per la presentazione delle istanze a Ryanair, potresti far ricorso a degli appositi moduli predisposti e messi a disposizione dalla compagnia sul proprio sito. In dettaglio ci riferiamo al:

- modulo online per rimborso Ryanair in caso di rinuncia al volo, malattia o lutto;

- modulo online per ritardi e/o cancellazioni di voli. Ryanair consiglia di allegare tutta la documentazione in supporto del tuo reclamo, inclusi i riferimenti bancari che la compagnia potrà utilizzare per liquidarti rimborsi ed indennizzi (nome della banca, numero di conto corrente, nome dell’intestatario del conto, codice IBAN e codice Swift);

- modulo online per danni o smarrimento del bagaglio registrato. Ti segnaliamo che per utilizzare questo modulo è necessario aver precedentemente segnalato presso l'aeroporto di arrivo, il danneggiamento o smarrimento del bagaglio e aver ricevuto una copia del Rapporto Irregolarità Bagaglio (PIR). Ciò è importante in quanto nel modulo occorre riportare il codice di 10 caratteri presente nella parte superiore del PIR (es. STNFR12345). Ti ricordiamo anche che in questi casi è molto importante rispettare la tempistica dettata dalla Carta dei Diritti del Passeggero, ragion per cui ti consigliamo di leggere con attenzione questo articolo: "Bagaglio da stiva smarrito o danneggiato? Come farsi risarcire dalla compagnia";

- modulo online per complimenti, lamentele e/o domande generali.

Nel caso in cui, invece, credi sia meglio confidare nel valore legale della classica raccomandata con ricevuta di ritorno, puoi scrivere di tuo pugno una comunicazione di reclamo scritta, nella quale però dovrai inserire tutte le informazioni relative al disservizio: numero del volo, giorno e orario in cui hai subito il disservizio, causa del disservizio, eventuale richiesta di rimborso o risarcimento danni, il riferimento alla normativa vigente. Meglio includere quante più informazioni possibili ed allegare, oltre alla copia del documento d’identità, anche eventuali ricevute per le spese sostenute dentro e fuori l’aeroporto, per l’acquisto di beni e servizi di prima necessità.

Se vuoi semplificarti la vita, invece, puoi utilizzare questo modulo di reclamo europeo per disservizi trasporto aereo. Chiaramente allo stesso dovrà essere allegata tutta la documentazione appena citata, poi potrà essere inoltrato alla compagnia aerea e successivamente all’ENAC nel caso in cui Ryanair non risponda o la risposta non sia ritenuta da te soddisfacente. Per sapere come segnalare eventuali disservizi all’Ente Nazionale per l'Aviazione Civile puoi leggere questa guida.

L'indirizzo a cui inviare il modulo di reclamo naturalmente è sempre lo stesso:

Customer Service Department 
PO Box 11451, 
Swords
Co Dublin
Ireland.

Documenti correlati