Autocertificazione morte coniuge editabile: quando farne uso

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
PDF interattivo   fac simile (b)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Fac simile autocertificazione di decesso, resa ai sensi dell'art. 46 - lettera h) del D.P.R. 28 dicembre 2000, n 445, riguardante il proprio coniuge.

Quando utilizzare l'autocertificazione di decesso del coniuge

L'autocertificazione in questione può essere utilizzata in svariate circostanze, ad esempio in caso di

  • successione;
  • cessazione o volturazione delle utenze;
  • richiesta della pensione di reversibilità;
  • richiesta di permesso retribuito di 3 giorni in favore del lavoratore dipendente.

E' bene ricordare che la presente dichiarazione sostituisce a tutti gli effetti il certificato di morte richiesto o destinato ad una pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi e ai privati che vi consentono.

La mancata accettazione della presente dichiarazione costituisce violazione dei doveri d'ufficio (art. 74 comma 1 D.P.R. 445/2000). 

Come scrivere l'autocertificazione di decesso del coniuge

Nel modello occorre riportare:

  • i dati anagrafici del dichiarante (nome e cognome, luogo e data di nascita e luogo ed indirizzo di residenza);
  • i dati di colui di cui si certifica il decesso (nome e cognome, data e luogo di nascita, indirizzo di residenza , data e luogo del decesso).
  • il rapporto di parentela con il deceduto (nel caso specifico coniuge)

Ai sensi dell'articolo 76 del D.P.R 445/2000, il dichiarante dovrà inoltre attestare di essere a conoscenza delle conseguenze penali che si verificano in caso di dichiarazioni false.

La firma non va autenticata, né deve necessariamente avvenire alla presenza dell'impiegato dell'Ente che ha richiesto il certificato. In luogo dell'autenticazione della firma si allega copia fotostatica del documento di identità. La presente dichiarazione ha validità per 6 mesi (art. 41 D.P.R. 445/2000); se i documenti che sostituisce hanno validità maggiore ha la stessa validità di essi.

Esente da imposta di bollo ai sensi dell'art. 37 D.P.R. 445/2000.

Tags:  disdetta per decesso successione morte eredità

Documenti correlati
 
Social
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Utilità