Lettera di intenti esempio: moduli editabili

Formati     © Moduli.it
DOC   fac simile (a)
DOC   fac simile (b)
DOC   fac simile (c)
DOC   fac simile (d)
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

In questa scheda rendiamo disponibili alcuni modelli di lettera di intenti da scaricare e personalizzare in funzione delle proprie specifiche esigenze. I fac simile sono tutti in formato editabile.

Lettera di intenti cos'è

Si tratta di un documento con cui le parti definiscono quei punti della trattativa su cui si è raggiunti un accordo e pongono le condizioni e i termini per la conclusione di un definitivo contratto (ad es. un contratto di collaborazione professionale), ossia le basi per la stesura di un vero e proprio regolamento definitivo del rapporto (di fornitura, di collaborazione, di compravendita, di assunzione, di acquisizione di ramo d'azienda, di appalto, ecc.).

La lettera di intenti generalmente non produce effetti vincolanti per le parti, questo significa che ciascuna di esse non solo potrà proporre una modifica di taluni contenuti dell'accordo, ma potrà anche rifiutarsi di sottoscrivere il futuro contratto senza fornire alcuna giustificazione. A tal fine sarà sufficiente recedere dalla lettera di intenti inviando una semplice comunicazione scritta a mezzo raccomandata o PEC nel rispetto di un certo termine di preavviso.

Ma attenzione perché le parti dovranno comunque comportarsi secondo buona fede (art. 1337 Cod. Civ.): così una parte non può indurre l'altra a stipulare un contratto con inganno o un contratto pregiudizievole, così come non può di punto in bianco, senza fornire valide motivazioni, abbandonare la trattativa quando questa è giunta ad un punto tale da far ritenere alla controparte che la conclusione del contratto sia ormai scontata. La violazione del dovere di buone fede genera responsabilità precontrattuale.

E' doveroso precisare che la lettera di intenti potrebbe anche prevedere accordi più stringenti, simili a quelli di un vero e proprio contratto. Si pensi al caso in cui un soggetto dichiara attraverso una lettera di intenti che acquisterà un ramo d'azienda se il fatturato globale nei successivi 6 mesi dovesse crescere dell'X%.  

Cosa indicare nella lettera di intenti

Nella lettera è fondamentale specificare:

  • l'oggetto della trattativa. Può riguardare la fornitura di un materiale, l'organizzazione di un corso di formazione, l'erogazione di consulenze specifiche rispetto a determinati temi, la cooperazione fra due amministrazioni locali e via discorrendo;
  • le condizioni, come quantitativi e prezzi della fornitura, tempi e modalità di recesso, ecc.; 
  • la durata e quindi la data entro cui dovrà avvenire la sottoscrizione del contratto definitivo;
  • la riservatezza. Ciascuna parte sarà tenuta fino alla firma del contratto definitivo, al massimo riserbo sui fatti, sulle circostanze, sui dati e sulle informazioni di cui è venuto a conoscenza;
  • il foro competente, per la risoluzione di qualsiasi controversia relativa o comunque occasionata dall'interpretazione, esecuzione e/o cessazione della lettera di intenti.

Tags:  lavoro

Foto
Free-Photos su Pixabay
Documenti correlati
 
Social
 
Utilità