Lettera licenziamento badante senza preavviso: quando utilizzarla

Formati
DOC
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Descrizione

Fac-simile lettera di licenziamento per giusta causa di un collaboratore domestico e/o di un assistente familiare (colf e/o badante) a firma del datore di lavoro.

Quando utilizzare la lettera licenziamento badante per giusta causa

Il licenziamento per giusta causa di una colf o di una badante si realizza quando il collaboratore domestico assume comportamenti tali da incrinare il rapporto fiduciario in essere fra le parti, così gravi da non consentire, neppure provvisoriamente, la prosecuzione del rapporto: furti, aggressioni fisiche, molestie sessuali, assenze ingiustificate, comportamenti ingiuriosi, rifiuto delle mansioni concordate, ecc.

In questi casi il licenziamento ha effetto immediato e il datore di lavoro non è tenuto a concedere alcun termine di preavviso al proprio collaboratore.

Chiaramente il datore di lavoro è libero di interrompere il rapporto per motivi discrezionali o di opportunità, tuttavia in questi casi deve rispettare i termini di preavviso ed utilizzare questa specifica lettera licenziamento badante.

Come consegnare la lettera licenziamento badante per giusta causa

La lettera può essere:

  • spedita tramite raccomandata con avviso di ricevimento all'indirizzo di residenza del collaboratore domestico. Per evitare possibili contestazioni circa il contenuto della missiva, il datore potrebbe ricorrere alla raccomandata senza busta;
  • recapitata tramite raccomandata a mano. In questo caso è opportuno che il datore predisponga una copia della lettera e si faccia apporre dal collaboratore domestico una firma per avvenuta ricezione.
Evitare di comunicare il licenziamento tramite SMS, Whatsapp, mail o fax.

Cosa fare dopo aver comunicato il licenziamento

Quand'anche sia intervenuta una giusta causa che ha determinato il licenziamento in tronco della colf o della badante, il datore di lavoro ha comunque l'obbligo di liquidare alla controparte:

  • il compenso maturato fino a quel momento;
  • la 13esima maturata;
  • le ferie non godute;
  • il Trattamento di Fine Rapporto (TFR);
  • l'indennità sostitutiva di vitto e alloggio, in caso di convivenza con la famiglia.

Subito dopo il datore di lavoro deve informare l'Inps del licenziamento all'Inps. Ha 5 giorni di tempo dalla data di cessazione del rapporto. 

La procedura è telematica, dunque il datore deve con il suo Pin Inps inoltrare la comunicazione attraverso l'apposito servizio presente sul sito ufficiale dell'Inps.

Diversamente può rivolgersi al Call Center Inps. Questi i numeri:

  • 803 164 (gratuito) da rete fissa
  • 06 164 164 da rete mobile.

Anche in quest'ultimo caso, tuttavia, occorre disporre del Pin Inps.

Tags:  collaboratore domestico

Documenti correlati
 
Social
 
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa

Utilità