Domicilio sanitario: cos'è e come si richiede

domicilio sanitario, domicilio sanitario temporaneo

In Italia c'è un gran numero di persone che attualmente vivono in un luogo diverso dalla propria residenza. Basti pensare agli studenti universitari fuorisede, a coloro che per lavoro si sono trasferiti temporaneamente in una città più grande, ai soggetti bisognosi di un cure in un centro specializzato. I motivi sono i più disparati, eppure tutte queste persone hanno una cosa in comune: possono richiedere il domicilio sanitario. In questo articolo ti illustreremo meglio cos’è, in che modo presentare domanda e quali documenti è necessario produrre.

Domicilio sanitario: cos'è

Il domicilio sanitario è un’opzione che tutti i cittadini italiani che vivono in una città diversa dalla loro residenza, possono prendere in considerazione. Per dirla in soldoni, grazie al domicilio sanitario potrai ricevere l’assistenza sanitaria di cui hai bisogno nella città presso la quale ti sei momentaneamente trasferito. In particolare puoi richiedere il domicilio sanitario temporaneo per un lasso di tempo non inferiore a 3 mesi e non superiore a 12 mesi. Qualora i tempi della permanenza si prolungassero, potrai sempre rinnovare la richiesta.

Chi può richiedere il domicilio sanitario

Possono richiedere il domicilio sanitario tutti i cittadini italiani che hanno dovuto trasferirsi in un luogo diverso dalla propria residenza anagrafica per motivi di studio, lavoro o ricerca di un’occupazione, salute, ricovero o assistenza. Per poter effettuare la richiesta è necessario essere già iscritti presso l'Azienda Sanitaria Locale (ASL) della città nella quale si risiede, dunque avere già un medico curante. Tuttavia, chi ha intenzione di trasferirsi e richiedere il domicilio sanitario, dovrà prima disdire il proprio medico di famiglia, per poi designarne uno nuovo nel comune di domicilio provvisorio.

Questo è il modulo di richiesta domicilio sanitario che puoi scaricare gratuitamente da questo portale ed utilizzare presso il distretto sanitario della tua dimora provvisoria (leggi "Residenza, domicilio e dimora: ecco le differenze"). Si tratta chiaramente di un fac simile, per cui è possibile che la modulistica reperibile presso i singoli distretti sanitari presenti piccole differenze.

Aprendo il modulo ti renderai conto di poter estendere la richiesta anche al tuo nucleo familiare, a patto che la tempistica di permanenza sia superiore a 3 mesi. In tal modo, qualora avessi dei figli potrai scegliere il loro pediatra, oltre che il medico di base.

Domicilio sanitario: cosa fare per richiederlo

Per richiedere il domicilio sanitario basta recarsi nel distretto ASL presente nel comune presso il quale dimori attualmente (diverso dalla propria residenza) e presentare questi documenti:
- il modulo di richiesta domicilio sanitario;
- la propria tessera sanitaria;
- un documento di riconoscimento personale in corso di validità (patente, passaporto, carta di identità);
- gli allegati che giustificano il trasferimento. Come potrai immaginare, gli allegati che giustificano il trasferimento nel luogo in cui ti trovi attualmente variano in funzione della motivazione che ti ha spinto a spostarti. Dovendo presentare tali dichiarazioni ad una Pubblica Amministrazione, puoi avvalerti dell'autocertificazione.

Così se richiedi il domicilio sanitario per motivi di lavoro, oltre alla documentazione appena elencata, dovrai presentare una dichiarazione redatta dal tuo datore di lavoro o un’autocertificazione nella quale indicare la sede lavorativa e il tipo di attività svolta.

Se richiedi il domicilio sanitario per motivi di studio, invece, dovrai allegare una copia del documento d’iscrizione o un’autocertificazione.

Se richiedi il domicilio sanitario per motivi di salute sarà necessario che il medico curante o specialista rilasci una dichiarazione che giustifichi la necessità del trasferimento.

Se richiedi il domicilio sanitario per motivi di assistenza, in quanto dovrai occuparti di un familiare in modo assiduo, dovrai presentare un’autocertificazione che attesti e specifichi perché è necessaria tale assistenza. Al contrario, se sei tu a dover ricevere assistenza e ti trasferisci presso un familiare residente nel comune presso il quale fai richiesta, dovrai allegare ai documenti un’autocertificazione specificando la necessità di tale assistenza.

Se richiedi il domicilio sanitario per svolgere il servizio civile, dovrai allegare un’autocertificazione che specifichi il nome dell’ente presso il quale effettuerai il servizio.

Se richiedi il domicilio sanitario dopo esserti trasferito in una città diversa da quella della tua residenza anagrafica, con l’obiettivo di trovare un impiego, invece, dovrai presentare una copia della ricevuta d’iscrizione al CPI (Centro Per l’Impiego) o la relativa autocertificazione.

Se richiedi il domicilio sanitario dopo aver sottoscritto un contratto di lavoro a tempo determinato, dovrai presentare una dichiarazione redatta dal tuo datore di lavoro o un’autocertificazione nella quale assicurare la permanenza di almeno 3 mesi nel luogo in cui si fa richiesta.

Se richiedi il domicilio sanitario per motivi religiosi, basterà allegare una semplice autocertificazione nella quale specificare le tue personali motivazioni.

Se richiedi il domicilio sanitario per raggiungere minori in affidamento, occorre allegare anche il documento che formalizza l’affido.

Se richiedi il domicilio sanitario in quanto sei un militare in carriera sarà necessario allegare ai documenti un’autocertificazione oppure un certificato ufficiale rilasciato dalla forza pubblica nella quale si presta servizio.

Se richiedi il domicilio sanitario dopo essere stato ricoverato in una struttura (casa di riposo, istituto, ecc.) dovrai allegare ai documenti una dichiarazione proveniente dalla struttura stessa o un’autocertificazione che attesti il ricovero.

Infine se stai scontando una pena, dunque ti trovi in uno stato di semilibertà, dovrai allegare una copia del provvedimento di concessione di semilibertà.

Domicilio sanitario: normativa in caso di delega

Qualora fossi momentaneamente impossibilitato e non potessi presentare di persona il modulo di richiesta domicilio sanitario presso il distretto del territorio che ospita la tua dimora temporanea, potresti delegare un soggetto terzo. In questo caso, egli potrebbe assolvere il suo compito presentando tutta la documentazione che abbiamo elencato nel paragrafo precedente ed in più:
- il modello di delega;
- un proprio documento di riconoscimento personale in corso di validità;
- la propria tessera sanitaria.

Dopo aver ottenuto il domicilio sanitario potrai scegliere il tuo nuovo medico di famiglia e/o il pediatra per i tuoi figli nell’ufficio dell’anagrafe sanitaria.

Documenti correlati