`

Debiti che non si trasmettono agli eredi

Quanti figli di fronte ad un comportamento irresponsabile del genitore defunto sono arrivati a dire: "non voglio pagare i debiti di mio padre". Le domande che dobbiamo porci in questi casi è: come evitare di pagare i debiti del defunto? Ci sono debiti che non si trasmettono agli eredi? Si tratta come è evidente di una questione molto delicata, visto che neppure la morte cancella tutti i debiti rimasti insoluti, e rispetto alla quale i nostri utenti ci chiedono di fare un po' di chiarezza

Come evitare di pagare i debiti del defunto: rinuncia all'eredità

Cominciamo col dire che gli eredi sono obbligati a soddisfare i debiti ereditari esclusivamente pro quota, e cioè in proporzione delle rispettive quote ereditarie (responsabilità pro quota). Essi, pertanto, non possono essere condannati al pagamento solidale di tali debiti. Tale regola non si applica, tuttavia, alle imposte sui redditi (Irpef, Irap, Ires) e sulle donazioni (responsabilità solidale).

Ciò detto si supponga che l’Amministrazione Finanziaria notifichi un avviso di accertamento o una cartella esattoriale ad una persona che risulta in realtà deceduta. Come devono comportarsi i familiari in questi casi?

Bisogna innanzitutto dire che i familiari devono rispondere dei debiti tributari del defunto solo se hanno accettato l’eredità e quindi se hanno acquisito la qualità di erede. Ricordiamo a tal proposito che vi può essere accettazione “espressa” (una dichiarazione scritta dalla quale risulti l'intenzione di accettare l'eredità) o “tacita” (un comportamento chiaro ed inequivocabile da cui si desume la volontà di accettare l'eredità: la vendita dell’appartamento, la riscossione di crediti del defunto, ecc.).

Con l’accettazione dell’eredità, il familiare risponde, dunque, di tutte le obbligazioni (comprese quelle di natura tributaria) facenti capo al de cuius, anche con il proprio patrimonio personale nel caso in cui quello dell’estinto non fosse sufficiente.

Ma attenzione: se si tratta di tasse e tributi (Irpef, IMU, tassa rifiuti, bollo auto, ecc.) gli eredi sono tenuti si al pagamento, ma unicamente delle somme evase o dovute dal defunto e dei relativi interessi, con esclusione quindi di sanzioni e soprattasse (art.8 D.Lgs. n. 472/1997). Questo significa che gli eredi possono chiedere all’Amministrazione Finanziaria di riformulare la cartella addebitando soltanto i tributi agli eredi e non anche le sanzioni. Questo il 

da compilare e trasmettere.

E se i familiari anziché accettare l’eredità vi avessero rinunciato? In questo caso poiché la rinuncia all’eredità è retroattiva (art. 521 Cod. Civ.), gli eredi rinunciatari possono opporsi a qualsiasi pretesa del fisco o di eventuali creditori inviando anche in questo caso una richiesta di archiviazione del provvedimento. Questo il 

E’ consigliabile trasmettere le comunicazioni non solo all’ufficio competente (ufficio tributario creditore che figura nella cartella), ma anche al soggetto incaricato dell’esercizio dell’attività di riscossione di tributi (es. Agenzia Entrate Riscossione - ex Equitalia).

Ricordiamo che l'alternativa alla rinuncia è l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. In questo caso i debiti del defunto verranno pagati soltanto con il patrimonio della persona deceduta e nel limite del suo valore e gli eredi non subiranno aggressioni al proprio patrimonio personale.

Debiti che non si trasmettono agli eredi

E' importante sottolineare che il pagamento da parte degli eredi non è dovuto sempre e comunque. Per essere più precisi ci sono debiti che non si trasmettono agli eredi, neppure nel caso in cui questi abbiano accettato l'eredità.

Ci riferiamo, ad esempio, alle contravvenzioni, vale a dire alle multe elevate per infrazioni al codice della strada. Dunque se un erede si vede notificare un verbale per divieto di sosta o per eccesso di velocità intestato ad una persona deceduta, può chiederne l’archiviazione in quanto il debito non è trasmissibile agli eredi. A tal fine si può utilizzare questo

Analogo discorso vale per le sanzioni tributarie. Abbiamo visto nel paragrafo precedente come gli eredi non possono esimersi dal saldare i debiti maturati dal de cuius nei confronti di Inps, Agenzia delle Entrate, Comune o Regione, tuttavia gli stessi non possono essere chiamati a rispondere anche delle sanzioni applicate dagli enti di riscossione per omesso o tardivo versamento delle imposte.

Tra i debiti che non si trasmettono agli eredi, ci sono anche quelli legati alle sanzioni amministrative, vale a dire a quelle sanzioni conseguenti, ad esempio, al mancato rispetto delle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, all'emissione di assegni a vuoto, alla violazione degli obblighi di previdenza e assistenza sociale e via discorrendo. 

Non sono trasmissibili agli eredi neppure le sanzioni penali, i debiti di gioco o quei debiti legati, ad esempio, al mancato pagamento di un'opera d'arte realizzata su commissione.

Cos'hanno in comune tutti questi debiti? Sono tutti debiti "personali" del defunto, come tali non cadono in successione e si estinguono con la morte del debitore.

Come evitare di pagare i debiti del defunto: la prescrizione

Gli eredi possono scamparla anche nel caso in cui i debiti contratti dal defunto siano caduti in prescrizione. Ricordiamo che la prescrizione è un istituto giuridico che prevede la perdita di un diritto nel momento in cui lo stesso non viene esercitato entro un termine prefissato dalla legge. Tale termine varia in funzione del tipo di debito contratto. A titolo di esempio, il termine di prescrizione è di 

  • 10 anni per i debiti erariali (Irpef, Iva, Ires, Imposta di registro, ecc.), decorrente dalla scadenza del termine per il pagamento;
  • 10 anni per il canone Rai, decorrente dalla fine di gennaio dell’anno in cui sarebbe dovuto essere corrisposto;
  • 5 anni per i tributi locali (IMU, TARI, ecc.), decorrente dall'anno di riferimento del pagamento;
  • 5 anni per i contributi previdenziali Inps (successivi al 1.01.2016), decorrente dall'anno di riferimento del pagamento. Per i contributi anteriori alla data del 1.01.2016 il termine è di 10 anni;
  • 5 anni per le contravvenzioni stradali, decorrente dalla data dell'infrazione;
  • 3 anni per il bollo auto, decorrente dal 1 gennaio dell’anno successivo a quello in cui sarebbe dovuto essere corrisposto;
  • 10 anni per le rate di mutuo e più in generale per i debiti con banche e finanziarie;
  • 5 anni per le bollette di telefono e pay tv, decorrente dalla data di scadenza espressa in fattura;
  • 2 anni per le bollette di acqua, luce e gas, decorrente dalla data di scadenza indicata in fattura;
  • 5 anni per il canone di affitto e le spese condominiali.

Ora è bene sottolineare che nel momento in cui il creditore invia al debitore una qualsiasi comunicazione (un sollecito, una cartella, un atto di pignoramento, ecc.), il termine di prescrizione si interrompe e comincia nuovamente a decorrere. Dunque è molto importante che gli eredi siano a conoscenza anche di eventuali comunicazioni trasmesse dal creditore al de cuius.

Dal nostro portale si possono scaricare diversi modelli con cui far valere la prescrizione. Ne citiamo alcuni:

E se il debitore (defunto) avesse ricevuto una cartella esattoriale? In questo caso poco o nulla cambierebbe, dal momento che la cartella facendo riferimento al mancato pagamento dell'IVA, del bollo o dell'IMU, si dovrebbe ancora una volta far riferimento, ai fini della prescrizione, al termine associato ad ogni specifico debito.

Diverso è se il debitore, una volta ricevuta la cartella, avesse proposto ricorso in Tribunale e l'istanza di archiviazione fosse stata rigettata dal Giudice. In questo caso specifico, indipendentemente dall'oggetto della cartella, il termine di prescrizione sarebbe di 10 anni dalla data della sentenza di condanna.

Documenti correlati


57741 - Redazione
02/04/2022
Maria, le strade sono due: rinunciate all'eredità o accettate la stessa ma con beneficio di inventario

57630 - Maria
22/03/2022
É deceduto mio fratello single che aveva un'azienda agricola e un mutuo per interventi di ristrutturazione aziendale. Senza testamento gli eredi sono i fratelli? Per accettare eredità senza assumere i debiti cosa si deve fare? Ringrazio Maria

50959 - sara
23/11/2017
Buonasera volevo sapere se i tributi comunali tarsu abbanoa etc intestati a mio marito prima del decesso e non pagati e avendo fatto io rinuncia all eredita. io li devo pagare lo stesso? Perché il comune mi dice che anche se ho fatto la rinuncia e il debito era prima della morte e io convivevo con lui devo pagare. Parliamo di una bolletta tarsu del 2010 intestata a mio marito deceduto nel 2012 ora richiedono a me il pagamento. Grazie

47912 - Patrizia
05/01/2017
Scusate, se sono trascorsi più di dieci anni dalla donazione e i debiti sono sorti dopo la data della donazione sono comunque esigibili dagli eredi o in questo caso no? grazie

47089 - Redazione
24/10/2016
Giorgio, non è possibile.

47057 - GIORGIO RAGUSA
22/10/2016
Buongiorno, può rinunciare un figlio alla eredità essendo ancora in vita il padre? Grazie Cordiali saluti

45455 - Redazione
05/05/2016
Claudia, occorre verificare a cosa fa riferimento la cartella: IRPEF, IRAP, IVA, IMU, TARI, TASI, Canone RAI, multe e contributi previdenziali, ecc.

45440 - Claudio
05/05/2016
Una cartella notificata direttamente agli eredi, ma oltre un anno dal decesso del de cuius può ritenersi prescritta, ed in caso di risposta affermativa è necessario ricorrere in commissione tributari?

43961 - giacomo
02/02/2016
La riformulazione per omesso pagamento imu 2010 e 11 può farla anche solo un erede, sempre chiaramente per il non pagamento delle sanzioni.. in quanto mi è difficile recuperare firme e documenti in tempi brevi abitando in diverse regioni.e ci costerebbe di pu che pagare le sanzioni

39710 - Redazione
09/06/2015
Linda, un rischio potrebbe essere rappresentato da ciò che l'art. 476 del Codice Civile definisce come "accettazione tacita dell'eredità". L'accettazione è tacita quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede (ad esempio effettuare una voltura catastale, concedere la procura ad un terzo per la vendita di un bene di proprietà del de cuius, riscuotere una somma, ecc.). Inoltre il termine di 10 anni potrebbe essere abbreviato se il defunto avesse previsto nel testamento un termine di decadenza più breve per l'accettazione dell’eredità. Da non scartare infine l'ipotesi che i creditori del defunto chiedano al Tribunale di competenza di fissare un termine più breve entro il quale gli eredi devono decidere se accettare o meno l'eredità.


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio