Fac simile proposta estinzione debito a saldo e stralcio

Formati     © Moduli.it
DOC
Dichiaro di aver preso visione della nota informativa e di aver letto e accettato i termini e le condizioni di utilizzo del portale

Descrizione

Il modello di lettera in formato "DOC" presente in questa scheda contiene una proposta di chiusura prestito a saldo e stralcio rivolta ad una finanziaria o ad un istituto di credito. Il modulo proposta saldo e stralcio si rivela particolarmente utile quando si intende trovare un accordo bonario con l'istituto finanziario e chiudere la propria posizione debitoria pagando un importo ridotto rispetto a quello dovuto, senza che il creditore possa avanzare in futuro ulteriori pretese.

Quando si può utilizzare il modulo di proposta saldo e stralcio

È possibile inoltrare alla banca o alla società che ha concesso il credito il modulo proposta saldo e stralcio nel caso in cui il sottoscrivente abbia dei seri problemi con il rimborso della somma ricevuta per via di eventi negativi (disoccupazione, malattia, perdita di benefici, ecc.) di natura non transitoria.

In pratica il titolare del prestito, in cambio della chiusura della propria posizione debitoria, si impegna a versare seduta stante alla banca o all’istituto finanziario una somma, comprensiva di capitale, interessi e spese, inferiore rispetto all'importo residuo del debito. L'istituto, da parte sua, si obbliga - in caso di accettazione della proposta - a non avanzare più alcuna pretesa nei confronti dello stesso soggetto a cui ha concesso il finanziamento.

Il saldo e stralcio si applica non solo a prestiti e finanziamenti, ma ad esempio anche ai debiti fiscali. Più in generale determinate posizioni debitorie possono essere estinte attraverso un atto di rinuncia al credito.

Alternative all'offerta saldo e stralcio

Va ricordato che oggigiorno è possibile modificare il piano di ammortamento di mutui e prestiti in base alle proprie necessità: lo si può estinguere con una maxi rata, lo si può estendere o rinegoziare, si può chiedere la sospensione dei pagamenti fino a 18 mesi o chiedere la surroga.

Qualora, però, ci si trovasse in una situazione talmente difficile da compromettere tutte le opzioni di rimborso, si potrebbe inviare una proposta di chiusura a "saldo e stralcio" del contratto.

Prima di inoltrare il modello proposta saldo e stralcio alla banca conviene accertarsi che quest’ultima non abbia già provveduto ad effettuare una segnalazione alle cosiddette banche dati dei cattivi pagatori (CRIF, EURISC, ecc.). Qualora sia troppo tardi per impedirne l’iscrizione, sarebbe comunque possibile chiedere alla banca di disporre la cancellazione del nominativo da suddette banche dati. 

Proposta saldo e stralcio: quali vantaggi per le parti

Si tratta di uno strumento che in determinate circostanze può portare vantaggi ad entrambi:

  • al cliente-debitore che può stralciare la propria posizione pagando, seppure in un'unica soluzione, un importo sensibilmente ridotto e scongiurando nel contempo possibili azioni legali da parte del creditore (decreti ingiuntivi, pignoramenti, istanze di fallimento, ecc.);
  • all'istituto finanziario che in questo modo evita di avventurarsi attraverso il sentiero di una lunga ed incerta procedura giudiziale di recupero del credito. 

Facciamo un esempio. Il Sig. Rossi, disoccupato, ha un debito residuo di 35.000 euro con la propria banca, frutto di un prestito contratto anni prima. Per evitare di mettere a rischio la propria abitazione, propone all'istituto un accordo di riduzione del debito: pagamento immediato di 20.000 euro a saldo in cambio dello stralcio della propria posizione. Chiaramente se il Sig. Rossi non pagasse la somma ridotta entro i termini contenuti nella proposta di transazione accettata dall'istituto finanziario, decadrebbe immediatamente dal beneficio e si esporrebbe nuovamente per l'intero debito (35.000) nei confronti dell'istituto stesso.

Come compilare il fac simile proposta saldo e stralcio

Come detto la proposta di chiusura del contratto a saldo e stralcio è una definizione “amichevole” della controversia venutasi a creare tra l’intestatario del prestito e l’istituto che l’ha concesso, a causa delle difficoltà nel pagamento delle somme dovute.

La compilazione del modello lettera proposta saldo e stralcio

Il primo passo per eseguire correttamente la procedura di richiesta chiusura contratto a saldo e stralcio è scrivere di proprio pugno una lettera in cui esporre la proposta. Nel fac simile proposta saldo e stralcio presente in questa scheda occorre indicare: 

  • i dati del destinatario della comunicazione (indirizzo dell’istituto indicato nel contratto)
  • i dati anagrafici del sottoscrivente nonché intestatario del contratto
  • i dati relativi all’eventuale soggetto giuridico che si rappresenta
  • i dati relativi al contratto (tipo di prestito, leasing, mutuo, ecc) e la data di sottoscrizione dello stesso
  • l'importo residuo da rimborsare
  • l'importo che si è disposti a pagare per concludere il contratto a saldo e stralcio
  • la data entro la quale effettuare il pagamento
  • luogo, data e firma.

La proposta di chiusura del contratto a saldo e stralcio può essere presentata di persona all’istituto di credito che ha concesso il prestito oppure la si può spedire tramite posta raccomandata con ricevuta di ritorno. Naturalmente il destinatario della proposta è libero di decidere se accettarla o rifiutarla. In caso di rifiuto, nella (eventuale) comunicazione di risposta saranno illustrate le modalità di rimborso che l’istituto pretende o altre eventuali conseguenze (leggi “Cosa succede se non paghi o ritardi le rate del prestito”). 

Tags:  moroso transazione insolvenza

Documenti correlati
 
Social
 
Utilità