In viaggio per le vacanze di Natale? Tieni a mente i tuoi diritti

vacanze di natale, vacanze di natale 2016

Arriva dicembre, il freddo e l’aria di feste. È tempo di programmare le vacanze di Natale: per alcuni, il momento più magico dell’anno. La tradizione impone di inchiodarsi a tavola e banchettare insieme a tutta la famiglia, ma gli italiani, anno dopo anno, dimostrano di preferire le valigie alle abbuffate, utilizzando il tempo libero per staccare la spina e concedersi il meritato relax.

Nonostante l’indice di propensione al viaggio messo a punto da Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli registri, per il mese di Novembre, un valore pari a 60 punti (2 in meno rispetto al mese di ottobre), le vacanze di Natale rimangono un vezzo a cui gli italiani non rinunciano. Luca Patanè, Presidente di Confturismo–Confcommercio, giustifica la flessione identificando la causa nella dilagante incertezza politica, dalle elezioni di Trump al Referendum Costituzionale tenutosi solo pochi giorni fa. Investire sui viaggi, in questo momento, non è di certo per tutti, tuttavia Patanè riconosce il settore turistico come possibile traino della ripresa italiana. “In questo clima politico non facile bisogna tuttavia sottolineare come il settore continui a rimanere in territorio positivo, in particolare il turismo verso le città e le località d’arte: queste mete saranno scelte da quasi un italiano su due nel prossimo trimestre”.

Se stai organizzando anche tu le vacanze di Natale 2016, sia che ti aspetti un viaggio esotico, sia un breve weekend a pochi passi da casa, ricorda: quale viaggiatore la normativa ti riconosce una serie di diritti, dunque tieniti pronto a farli rispettare nel caso in cui si dovessero manifestare delle irregolarità o degli inconvenienti durante le vacanze di Natale. Moduli.it vuole ricordarteli, di modo da limitare gli imprevisti e non lasciare che piccole o grandi seccature ti rovinino le vacanze.

Vacanze di Natale: bagagli e checklist

È giunta l’ora di iniziare a prepagare la valigia. Per alcuni è un vero incubo, altri invece assaporano il bello della partenza, piegando maglioni o costumi da bagno. L’importante, in questi casi, è che una volta chiusa essa contenga tutto il necessario: a questo proposito ti consigliamo di scaricare la check-list da stampare e personalizzare a seconda delle tue necessità.

Se stai partendo per trascorrere le vacanze di Natale al caldo probabilmente avrai necessità di prendere un aereo, dunque è necessario fare attenzione a tutti quegli oggetti che non possono essere imbarcati, perché rappresentano un limite alla sicurezza in volo oppure perché non sono contemplati nella tipologia di bagaglio incluso nel biglietto che hai acquistato.

In più, se sei diretto in un paese che non fa parte dell’Unione Europea, dovrai esibire il passaporto, oggi disponibile in formato elettronico. Stando a quanto stabilito dalla normativa attualmente in vigore, anche i soggetti minorenni e addirittura i nostri amici a quattro zampe devono averne uno: se hai intenzione di partire con loro, questo è il momento giusto per rimboccarsi le maniche ed eseguire tutte le pratiche necessarie all’ottenimento.

Vacanze di Natale e capodanno: come affrontare il viaggio

Pensandoci bene, viaggiare in aereo non è poi così semplice, soprattutto per chi non è solito a viaggi di questo tipo. Se volare non rientra nelle tue abitudini, potrà esserti utile leggere una breve guida che contiene tutti i tuoi diritti da passeggero: ti dimostrerà che è possibile tenere i piedi per terra anche se voli a diverse migliaia di metri da terra.

Nel caso in cui, invece, credi di aver subito un disservizio da parte della compagnia aerea che ha guastato la tua esperienza di volo, puoi rivolgerti all’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) segnalando l’accaduto in un reclamo scritto. Ciò non ti aiuterà ad ottenere il risarcimento, ma potrà servire quantomeno ad attivare le necessarie verifiche e nel caso a sanzionare la compagnia.

Chiaramente, la procedura di reclamo e richiesta di indennizzo, si diversifica in base al tipo di disservizio subito. Per fare chiarezza, le abbiamo racchiuse tutte nell’articolo: “Disservizi dalla compagnia aerea? Segnalali all’Enac”.

Anche se viaggi in treno sei tutelato in quanto passeggero: sia le frecce di Trenitalia che i treni Italo offrono degli indennizzi in caso di ritardo che possono rimborsare quasi totalmente il prezzo del biglietto. Per saperne di più ti consigliamo la lettura dell’articolo “Treni cancellati o in ritardo: come chiedere il rimborso”.

Chiaramente, i tuoi diritti vengono salvaguardati anche nel caso in cui tu viaggiassi su un autobus o su una nave. In entrambi i casi è possibile redigere un modulo di reclamo, su Moduli.it troverai sia la modulistica da utilizzare, sia gli indirizzi a cui inoltrare la comunicazione.

Vacanze di Natale: viaggi organizzati o all'avventura

Molto spesso, per comodità, si ricorre ai viaggi organizzati. La maggior parte delle persone pensa che essendo messi a punto dalle agenzie o dai tour operator essi non possano subire variazioni di date, location o programmi, ma purtroppo non è così. Non te lo auguriamo, sia chiaro, ma può accadere che un viaggio, organizzato da te oppure da un’agenzia, subisca una modifica delle condizioni prima della partenza o durante il soggiorno (ad esempio vieni spostato in un altro albergo o cambi la compagnia aerea e così via) oppure debba essere interrotto o cancellato per cause di forza maggiore.

La casistica è davvero ampia e variegata, dunque se ritieni di aver subito un disservizio o un vero e proprio danno (ma soprattutto se hai prove per dimostrarlo), puoi chiedere un indennizzo o il rimborso totale della somma sborsata per il viaggio. A tal proposito ti consigliamo di leggere: “Danno da vacanza rovinata: come chiedere il risarcimento”.

Vacanze di Natale: garanzie contro il furto del bagaglio

A meno che tu non decida di intraprendere il viaggio verso la destinazione fissata per le vacanze di Natale in automobile, dovrai trovare un’adeguata sistemazione ai tuoi bagagli. I viaggi in treno o in autobus sono estremamente comodi sotto questo punto di vista: basta sistemarli nella stiva o nello spazio adibito accanto al proprio posto e il gioco è fatto.

Viaggiando in aereo, soprattutto se il volo prevede uno scalo, devi invece contemplare la possibilità che qualcosa vada storto e il tuo bagaglio vada smarrito o resti nell’aeroporto di scalo, o non parta affatto. Non ti resta che incrociare le dita ed affidarti alla professionalità del personale. Anche nel peggiore dei casi, però, puoi far valere i tuoi diritti e avanzare una richiesta di risarcimento danni per smarrimento bagaglio: questo è il modulo da indirizzare alla compagnia aerea. Tutto il procedimento da seguire, invece, lo trovi nell’articolo “Bagaglio smarrito o danneggiato? Ecco come farsi risarcire dalla compagnia”.

Occhi aperti anche quando raggiungerai la struttura che ti ospiterà per le vacanze di Natale: a volte perdere un bagaglio è più facile di quanto si pensi. Basta trattenersi qualche minuto in più al check in o distrarsi con i bambini per smarrire la propria valigia o addirittura scambiarla con quella di un altro viaggiatore. Nel caso in cui riscontrassi una cattiva gestione dell’hotel o in generale della struttura ricettiva che hai prenotato, non esitare a segnalare la problematica mediante questo modulo di reclamo nel quale puoi inserire anche un’eventuale richiesta di rimborso.

Qualora, invece, subissi un furto in albergo ti consigliamo di avanzare una vera e propria richiesta di risarcimento danni. Ti spieghiamo qual è la procedura da svolgere nei confronti della struttura nell’articolo “Furto in albergo: quali tutele per il cliente”.

Vacanze di Natale in Italia? Se viaggi in automobile, occhio agli autovelox

Nel paragrafo precedente abbiamo accennato alla comodità di avere i bagagli al sicuro quando si viaggia con la propria automobile. In realtà le comodità sono più di una: non solo hai il tuo equipaggiamento sempre a portata di mano (estremamente comodo se parti per le vacanze di Natale con i bambini), non hai orari da rispettare e puoi fare tutte le soste che vuoi.

Ovviamente per l’autista deve essere un piacere guidare, rispettando però le norme imposte dal Codice della Strada. Sarebbe poco piacevole aggiungere ai costi del viaggio anche quelli di una multa per eccesso di velocità. Per evitarle, c’è poco da fare: bisogna viaggiare entro i limiti, fare attenzione agli Autovelox e ai Tutor autostradali. Da qualche tempo occorre prestare la giusta attenzione anche alle volanti delle forze dell’ordine che circolano indisturbate: potrebbero contenere un dispositivo praticamente invisibile dall’esterno, chiamato Scout Speed che rileva la velocità del tuo autoveicolo anche a distanze considerevoli e di notte.

Nel caso in cui ricevessi una multa elevata da un rilevatore di velocità come il tutor o l’autovelox, ricorda sempre che è tuo diritto verificare la validità del verbale, in quanto potrebbe contenere vizi di forma più o meno evidenti. In presenza di questi ultimi, saresti autorizzato a contestarla. Abbiamo indicato tutto il procedimento da seguire negli articoli:
- "Come e quando fare ricorso per multe da Autovelox";
- "Sistema tutor: cos'è e come contestarne le multe".

Il consiglio è sempre lo stesso: cerca di prevenire questi inconvenienti rispettando il Codice della Strada e tenendo a portata di mano la mappa degli autovelox che segnala la presenza di rilevatori fissi in autostrada. Puoi reperirla da questo portale oppure sul sito ufficiale della Polizia di Stato.

Documenti correlati
Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio
Non verrà pubblicata