licenziamento

Lettera cessazione rapporto di lavoro: WORD

lettera cessazione rapporto di lavoro

Tre diversi fac simile di lettera con cui il datore comunica al proprio dipendente la cessazione del rapporto di lavoro. Tutti i modelli sono in formato editabile.

Lettera cessazione rapporto di lavoro: quando utilizzarla

Va detto che il datore di lavoro non può comunicare la cessazione del rapporto con il proprio dipendente senza che ci sia una valida motivazione. Ma quando un licenziamento può considerarsi giustificato?

Ad esempio quando il lavoratore non rispetta gli orari di lavoro, oppure quando non applica alla lettera le disposizioni che gli sono state impartite, oppure quando si assenta con frequenza dal proprio posto di lavoro per parlare al telefono o incontrare altre persone, o...

Lettera di richiamo per mancato rispetto orario di lavoro: WORD, PDF

lettera di richiamo per mancato rispetto orario di lavoro

La lettera di richiamo per mancato rispetto orario di lavoro va compilata se il datore di lavoro o il responsabile del personale dovesse accertare che il proprio dipendente si presenta in ritardo sul luogo di lavoro, magari con una certa frequenza e comunque senza mai fornire concrete giustificazioni.

Orario di lavoro: come richiedere eventuali permessi

Per orario di lavoro si intende il periodo di tempo giornaliero durante il quale, in conformità all’orario d’obbligo contrattuale settimanale, ciascun dipendente assicura la prestazione lavorativa all'interno della propria azienda o del proprio ente.

La durata massima dell'orario di lavoro settimanale è fissata dai contratti collettivi e d...

Lettera di richiamo per errore sul lavoro: modello WORD, PDF

lettera di richiamo per errore sul lavoro

La lettera di richiamo per errore sul lavoro è un modello con cui il titolare della ditta o il responsabile della produzione contesta formalmente la prestazione eseguita dal proprio collaboratore che non si è attenuto alle direttive, agli ordini e alle istruzioni che gli sono stati impartiti.

Lettera di richiamo per errore sul lavoro: quando inviarla

Come anticipato una comunicazione simile può essere trasmessa al dipendente quando questi, per disattenzione, poca applicazione o scarsa diligenza  commette, magari con una certa frequenza, degli errori sul lavoro, nonostante abbia ricevuto precise direttive ed istruzioni circa le modalità di esecuzione della prestazione: un settaggio sbaglia...

Conciliazione Ispettorato del Lavoro: modulistica i istruzioni

conciliazione Ispettorato del Lavoro

Modelli con cui il lavoratore, l'azienda o entrambi possono chiedere all'Ispettorato del Lavoro che venga esperito il tentativo di conciliazione ai sensi dell’art. 410 c.p.c.e srt. 31 della L. 183/2010 al fine di risolvere la controversia insorta tra le parti. I modelli richiesta tentativo di conciliazione lavoro sono disponibili in formato PDF editabile.

Conciliazione Ispettorato del Lavoro: cos'è

In caso di controversie sorte in ambito lavorativo è d'obbligo tentare una conciliazione prima di adire il giudice del lavoro. La conciliazione può essere promossa anche tramite l'associazione sindacale alla quale si aderisce o si conferisce mandato.

Così come stabilito dall'art. 410 cpc, la ri...

Lettera di licenziamento per giustificato motivo oggettivo

fac simile lettera di licenziamento per giustificato motivo oggettivo

Fac simile lettera di licenziamento per giustificato motivo oggettivo che il datore di lavoro può utilizzare nei confronti del proprio dipendente quando ricorrono i presupposti previsti dalla legge.

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo: quando ricorre

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo ricorre quando sussistono motivi di ordine economico o organizzativo che spingono il datore di lavoro ad interrompere il rapporto con uno o più dei propri dipendenti: consistente calo della produzione indotta da una congiuntura economica particolarmente sfavorevole, decisione di chiudere una particolare linea di produzione perché non più redditizia, cessione di un ramo aziendale, ...

Lettera licenziamento per giustificato motivo soggettivo

lettera licenziamento per giustificato motivo soggettivo

In questa scheda rendiamo disponibile un fac simile lettera licenziamento per giustificato motivo soggettivo con preavviso che un datore di lavoro può utilizzare nei confronti di un proprio subordinato che si è reso colpevole di gravi inadempienze.

Licenziamento per giustificato motivo soggettivo: quando ricorre

Il licenziamento per giustificato motivo con preavviso può essere determinato da un inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del prestatore di lavoro (soggettivo) oppure da ragioni inerenti all'attività produttiva, all'organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento dell'azienda (oggettivo).

In questa scheda ci soffermeremo sulla prima tipologia di licenziamento, f...

Lettera di licenziamento per giusta causa: fac simile Word, Pdf

lettera di licenziamento per giusta causa

Fac simile di lettera che il datore di lavoro può utilizzare per il licenziamento di un proprio dipendente nel caso in cui ricorra una giusta causa. La lettera di licenziamento per giusta causa è disponibile anche in formato editabile.

Licenziamento per giusta causa: esempi

Il licenziamento per giusta causa si ha quando si verifica un episodio che pregiudica a tal punto il rapporto di fiducia tra lavoratore e datore, non da renderne possibile la prosecuzione, neppure in forma provvisoria (art. 2119 del Cod. Civ.). Ad esempio il lavoratore

  • si assenta ripetutamente dal posto di lavoro senza fornire giustificati motivi, oppure
  • viene coinvolto in una rissa contro i propri colleghi, oppure
  • d...

Risposta lettera di richiamo: fac simile editabile

fac simile lettera contestazione disciplinare assenza ingiustificata

Fac simile con cui il lavoratore dipendente risponde formalmente ad una lettera di richiamo disciplinare ricevuta dal proprio datore di lavoro, fornendo argomentazioni a sua difesa.

Risposta lettera di richiamo: quando fornirla

La lettera in questione va trasmessa quando il lavoratore, che ha ricevuto un ammonimento disciplinare per aver commesso - secondo l'azienda - una grave mancanza o per aver tenuto un comportamento scorretto, è convinto di non aver violato gli obblighi di correttezza e buona fede e a riguardo ritiene di poter fornire valide giustificazioni o controdeduzioni a sua difesa.

Ma il lavoratore potrebbe anche riconoscere il proprio errore, spiegando i motivi e le circostan...