Rimborso Air Italy in caso di problemi con voli e bagagli

rimborso air italy, rimborso meridiana

Più viaggi, più aumenta la possibilità di subire piccoli o grandi disagi a causa di ritardi, cancellazioni o perdita bagagli. Capita a tutte le compagnie di trasporto di subire degli inconvenienti: guasti ai velivoli, problemi organizzativi, imprevisti dell’ultimo minuto o addirittura eventi che sono fuori dal proprio controllo: avverse condizioni metereologiche, disordini sociali , scioperi e via discorrendo. Ma tra queste situazioni critiche, ce ne sono alcune per le quali la compagnia di trasporto ha il dovere di porre in atto tutte quelle misure di prevenzione e controllo che possano scongiurare possibili disagi ai passeggeri. Se, dunque, un volo Air Italy (ex Meridiana) accumula ritardo, viene cancellato o ti lascia a terra per cause imputabili esclusivamente alla compagnia, sappi che è possibile chiedere il rimborso Air Italy, ai sensi del REGOLAMENTO (CE) N. 261/2004.

In questo articolo ti spiegheremo in modo chiaro e accurato quali sono i tuoi diritti, come comportarsi in situazioni di criticità e in quali casi hai diritto al rimborso Air Italy.

Chi è Air Italy

Prima di indagare sulle condizioni necessarie per ottenere il rimborso Air Italy, ci sono cose che probabilmente ti sarà utile sapere sulla compagnia di trasporti. Nel 1963 nasce Alisarda, una Compagnia aerea italiana con sede a Olbia, in Costa Smeralda. Il suo obiettivo era quello di promuovere il turismo in Sardegna dando modo agli italiani di raggiungerla facilmente e in pochissimo tempo. Nel 1991 Alisarda diventa Meridiana: sostanzialmente cambia il nome, tuttavia l’azienda cresce e diventa il punto di riferimento per gli italiani che, da diversi punti dello stivale, desiderano raggiungere la bella Sardegna per vacanze, visite, appuntamenti di lavoro e così via.

Recentemente Meridiana ha partecipato alla fusione con il vettore Eurofly e all’acquisizione della Compagnia Air Italy, diventando a tutti gli effetti AIR ITALY. Questo ulteriore cambiamento ha determinato l’espansione delle tratte verso destinazioni di medio e lungo raggio, ma non solo. La compagnia sta attualmente collaborando con tutti i principali operatori turistici del mercato nazionale ed ha ampliato i collegamenti da Milano Malpensa, che ora includono città come Roma, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme (fai conto che gli orari sono programmati per consentire ai passeggeri di prendere le coincidenze con voli intercontinentali diretti a New York, Miami e Bangkok). Non è tutto: il network di Air Italy include anche voli da Milano Malpensa per Accra, Cairo, Dakar, L’Avana, Lagos, Mombasa, Mosca, Zanzibar oltre ai collegamenti stagionali verso un ampio numero di destinazioni nazionali ed europee.

Come si viaggia con Air Italy (ex Meridiana)? Comodi, non c’è dubbio: la flotta di Air Italy è composta da 8 Boeing 737 NG e 3 Boeing 767-300. Nel 2018 è previsto l’ingresso di 8 nuovi aeromobili di cui 3 nuovi Boeing 737 MAX 8 e 5 Airbus A330-200, che andranno a sostituire i B767-300, in via di “pensionamento” entro la fine dell’anno.

Rimborso viaggio Meridiana: il Regolamento Europeo

Meridiana, esattamente come le altre compagnie aeree (Ryanair, Alitalia, Volotea, Easyjet, ecc.) è tenuta a rispettare il Regolamento (Ce) N. 261/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea, che dall’entrata in vigore (11 febbraio 2004) sancisce regole comuni in materia di compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato. Sul sito ufficiale della compagnia www.airitaly.com è possibile reperire le Condizioni Generali di Trasporto, ovvero il documento che riassume tutte le cose che devi sapere prima di prenotare e imbarcarti sull’aeromobile, ma soprattutto consultare le norme che disciplinano i diritti dei passeggeri.

Come puoi notare tu stesso, collegandoti al portale, la compagnia inserisce il link diretto al Regolamento (Ce) N. 261/2004 che puoi scaricare in formato pdf e salvare sul tuo dispositivo, nel caso in cui volessi leggerlo con calma o averlo sempre a portata di mano. Nei prossimi paragrafi ti illustreremo quando, ai sensi del vigente Regolamento, hai il diritto di ricevere assistenza e chiedere il rimborso volo Air Italy.

Quando si applica il Regolamento Europeo

Le disposizioni contenute nel Regolamento che abbiamo appena citato possono essere applicate:

  • ai passeggeri in partenza da un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro soggetto alle disposizioni del trattato;
  • ai passeggeri in partenza da un aeroporto situato in un paese terzo a destinazione di un aeroporto situato nel territorio di uno Stato membro soggetto alle disposizioni del trattato, salvo se i suddetti passeggeri hanno ricevuto benefici o una compensazione pecuniaria e assistenza nel paese terzo in questione, qualora il vettore aereo operante il volo in questione sia un vettore comunitario.

Chiaramente è necessario avere una prenotazione confermata sul volo in questione e presentarsi presso l’accettazione all'ora indicata dalla compagnia aerea o al più tardi quarantacinque minuti prima dell'ora di partenza pubblicata. Il Regolamento non vale se voli gratuitamente o se hai acquistato il titolo di viaggio ad una tariffa ridotta non accessibile, direttamente o indirettamente, al pubblico.

Rimborso Air Italy overbooking

L’articolo 3 del Regolamento sancisce che se ti è stato negato l’imbarco per overbooking hai il diritto a delle particolari tutele da parte della compagnia di trasporto. Quando si verificano situazioni del genere vuol dire che il vettore aereo ha accettato un numero maggiore di prenotazioni rispetto ai posti effettivamente disponibili a bordo. Si tratta di una pratica legale che la compagnia adotta col solo fine di garantirsi un trasporto a pino carico. Ciò in virtù del fatto che in molti casi c’è sempre qualcuno che non si presenta all’imbarco. Ma nel malaugurato caso dovessero presentarsi tutti? In questi casi la compagnia è tenuta a chiedere se ci siano dei volontari disposti a rinunciare alla prenotazione in cambio di benefici da concordare con Air Italy.

Qualora, pur essendoci dei volontari, il numero di passeggeri sia comunque in esubero rispetto al numero di posti, Air Italy non può far altro che negare l’imbarco anche ai clienti non consenzienti. Se fra questi ci sei anche tu, ecco quali sono le forme di tutela che puoi ricevere.

Se sei un volontario, ossia sei uno di quelli che ha alzato la mano comunicando di voler rinunciare al volo in cambio di benefici concordati con l’azienda, ti spetta il rimborso totale del biglietto o l’imbarco su un volo alternativo. Nello specifico puoi scegliere tra queste opzioni:

  • ottenere il rimborso entro 7 giorni del prezzo pieno del biglietto (per le parti non utilizzate o per quelle già utilizzate se il volo non serve più allo scopo, oltre ad un biglietto di ritorno al tuo primo punto di partenza);
  • imbarcarti su un volo alternativo verso la destinazione finale non appena possibile;
  • imbarcarti su un volo alternativo verso la destinazione finale in data successiva di tuo gradimento, a seconda della disponibilità dei posti.

Se ti è stato forzatamente negato l’imbarco, ti spetta anche una compensazione pecuniaria il cui importo dipende dalla lunghezza della tratta aerea. Nello specifico, è possibile ottenere un indennizzo di:

  • 250,00 EUR per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri;
  • 400,00 EUR per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri; 
  • 600,00 EUR per le tratte aeree che non rientrano nelle categorie precedenti.

L’importo dell’indennizzo potrebbe essere dimezzato nel caso in cui tu possa imbarcarti su un volo alternativo che arrivi alla destinazione finale della tratta d’origine con un ritardo di:

  • 2 ore rispetto all’orario della prenotazione originaria (per le tratte pari o inferiori a 1.500 Km)
  • 3 ore per le tratte intracomunitarie superiori a 1.500 Km e per tutte le altre tratte comprese tra 1.500 e 3.500 Km;
  • 4 ore per le tratte aree che non rientrano nelle due tipologie precedenti.

Non è tutto: in caso di negato imbarco hai anche il diritto di ottenere, a titolo gratuito:

  • pasti e bevande in congrua relazione alla durata dell'attesa;
  • sistemazione in albergo, qualora siano necessari uno o più pernottamenti, o qualora sia necessario un ulteriore soggiorno, oltre a quello previsto dal passeggero;
  • due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica.

Naturalmente in situazioni come questa Air Italy ha il dovere di assecondare i bisogni delle persone con mobilità ridotta e dei loro accompagnatori, nonché prestare particolare attenzione ai bisogni dei bambini non accompagnati.

Rimborso Air Italy cancellazione volo

Le tutele ci sono anche in caso di volo Air Italy cancellato. Infatti secondo quanto stabilito dall’Articolo 5 del Regolamento Europeo N. 261/2004, puoi ottenere a titolo gratuito l’assistenza in aeroporto (pasti e bevande in congrua relazione alla durata dell'attesa; sistemazione in albergo, due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o posta elettronica) e la compensazione pecuniaria. Ti ricordiamo che l’indennizzo ammonta a:

  • 250,00 EUR per tutte le tratte aeree inferiori o pari a 1500 chilometri;
  • 400,00 EUR per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1500 chilometri e per tutte le altre tratte comprese tra 1500 e 3500 chilometri;
  • 600,00 EUR per le tratte aeree che non rientrano nelle categorie precedenti.

L’indennizzo potrebbe essere revocato, nel caso in cui fossi stato avvertito della cancellazione del volo Air Italy con congruo preavviso, ovvero:

  • almeno due settimane prima dell'orario di partenza previsto;

oppure

  • nel periodo compreso tra due settimane e sette giorni prima dell'orario di partenza previsto. Al tempo stesso la compagnia ti ha offerto di partire con un volo alternativo non più di due ore prima dell'orario di partenza previsto, consentendoti di raggiungere la destinazione finale meno di quattro ore dopo l'orario d'arrivo previsto;

oppure

  • meno di sette giorni prima dell'orario di partenza previsto, tuttavia ti viene offerto di partire con un volo alternativo non più di un'ora prima dell'orario di partenza previsto e di raggiungere la destinazione finale meno di due ore dopo l'orario d'arrivo previsto.

La compagnia aerea non è tenuta a pagare la compensazione pecuniaria, se la cancellazione del volo Air Italy si verifica a causa di circostanze eccezionali, che non si sarebbero potute evitare, nonostante l’applicazione di tutte le misure preventive possibili. L'onere della prova spetta al vettore aereo e non a te, in quanto passeggero.

In ultimo, ma non per importanza, hai il diritto di ottenere il rimborso Air Italy del prezzo pieno del biglietto o l'imbarco su un volo alternativo. Come nel caso di overbooking, puoi scegliere se:

  • ottenere il rimborso entro 7 giorni del prezzo pieno del biglietto (per le parti non utilizzate o per quelle già utilizzate se il volo non serve più allo scopo, oltre ad un biglietto di ritorno al tuo primo punto di partenza);
  • imbarcarti su un volo alternativo verso la destinazione finale non appena possibile;
  • imbarcarti su un volo alternativo verso la destinazione finale in data successiva di tuo gradimento, a seconda della disponibilità dei posti.

Ti ricordiamo che il tema è stato trattato anche con l'articolo "Volo cancellato: come chiedere rimborsi e indennizzi".

Rimborso Air Italy ritardo

Secondo l’Articolo 6 del Regolamento Europeo, se il volo Air Italy accumula un ritardo in partenza di:

  • due o più ore per tutte le tratte aeree pari o inferiori a 1 500 km;
  • tre o più ore per tutte le tratte aeree intracomunitarie superiori a 1 500 km e per tutte le altre tratte aeree comprese tra 1 500 e 3 500 km;
  • quattro o più ore per tutte le altre tratte aeree che non rientrano nei casi di cui sopra;

la compagnia aerea ha il dovere di offrirti innanzitutto tutta l’assistenza di cui hai bisogno (in partcolare pasti e bevande in relazione alla durata dell'attesa e l'eventuale sistemazione in albergo).

Se il ritardo si prolungasse oltremisura superando le cinque ore potrestì altresì chiedere:

  • il rimborso entro 7 giorni del prezzo pieno del biglietto per la o le parti di viaggio non effettuate e per la o le parti di viaggio già effettuate, se il volo in questione è divenuto inutile rispetto al programma di viaggio iniziale

oppure

  • un volo di ritorno verso il punto di partenza iniziale, non appena possibile.

Sappi che in caso di ritardo Air Italy puoi anche pretendere un risarcimento dal vettore per gli eventuali danni subiti. La compagnia può sottrarsi da queste responsabilità solo se dimostra di aver preso tutte le misure possibili per evitare certe conseguenze oppure che era impossibile prendere tali misure. In ogni caso la responsabilità per il danno è limitata a 4.694 DSP, poco meno di 5.800 euro.

Vuoi saperne di più? Non ti resta altro da fare che leggere questa guida: “Volo in ritardo? Ecco come farsi risarcire”.

Air Italy bagaglio: risarcimento in caso di perdita o danneggiamento

In caso di danno, ritardo, perdita o distruzione del bagaglio da stiva, devi come prima cosa sporgere denuncia presso l'Ufficio Lost and Found presente nell'aeroporto di destinazione. A tal fine il personale addetto ti farà compilare il cosiddett "modulo P.I.R." (Property Irregularity Report).

Subito dopo ti consigliamo di sporgere un reclamo per iscritto alla compagnia. Nel caso in cui il bagaglio registrato sia danneggiato, il passeggero deve sporgere reclamo per iscritto entro sette giorni, e in caso di ritardo entro ventun giorni, dalla data in cui il bagaglio è stato messo a disposizione del passeggero (leggi "Bagaglio smarrito? Ecco come farsi risarcire dalla compagnia aerea").  

Air Italy è responsabile nel caso di distruzione, perdita o danno dei bagagli fino a 1.000 DSP (1230 euro circa), a meno che il bagaglio registrato non presenti qualche difetto. E se il bagaglio contenesse un oggetto il cui valore è ben oltre i 1.000 DSP? In questi caso come passeggero puoi beneficiare di un limite di responsabilità più elevato rilasciando una dichiarazione speciale, al più tardi al momento della registrazione, e pagando un supplemento.

Come richiedere rimborso volo Air Italy

Ai fini del rimborso Air Italy è possibile intraprendere una delle 3 procedure che ti illustreremo qui sotto. Prima però lasciaci specificare una cosa: qualora riscontrassi dei problemi nell’aeroporto di partenza o di arrivo e volessi parlare con il personale della compagnia, potresti recarti presso uno dei box assistenza Air Italy presenti in loco. Siamo certi che il personale addetto sarà in grado di fornirti tutte le spiegazioni necessarie e rispondere ad ogni tua esigenza.

Veniamo ora alle procedure valide per la richiesta rimborso Air Italy:

  1. la prima consiste nel rivolgersi telefonicamente al Call Center, contattando il numero +39 0789 52609;
  2. la seconda consiste nell’inviare una richiesta formale tramite posta elettronica, all’indirizzo refunds@airitaly.com. In tal caso potrebbe esserti utile scaricare questo modulo rimborso ritardo aereo (o quantomeno copiarne il testo), corredarlo di un documento d’identità e della eventuale documentazione utile a sostenere la richiesta, quindi inoltrare il tutto all’indirizzo appena citato;
  3. la terza può essere effettuata direttamente dal sito ufficiale Air Italy. Prima di tutto devi registrare un account personale, poi devi accedere alla pagina “La mia prenotazione”, selezionando l’opzione “Cambio prenotazione e richiesta rimborsi on line”. Compila il modulo online, invia la richiesta e il gioco è fatto.

Richiesta rimborso Air Italy rifiutata: cosa fare

Pur avendo eseguito la procedura di richiesta in modo accurato ed esserti accertato di avere il diritto di ottenere una compensazione pecuniaria o il rimborso del biglietto, Air Italy fa orecchie da mercante o ancor peggio ti nega la possibilità di ottenere ciò che ti spetta. Che fare in questo caso? Ti suggeriamo di non darti per vinto e di formalizzare subito un reclamo scritto. A tal fine puoi utilizzare il form online che l'azienda ha appositamente predisposto per queste finalità. Reperibile all'indirizzo www.airitaly.com/sezione/servizio-relazioni-clienti-reclamo è molto semplice da compilare: basta specificare il motivo del reclamo (volo cancellato, volo ritardato, bagagli smarrito, ecc.), se il biglietto è stato acquistato o meno da un tour operator, quindi riportare il numero biglietto o Codice di prenotazione con relativo cognome e i dati del volo (numero volo, luogo di partenza e di arrivo, data volo).

Si tratta naturalmente di un modulo on line nominativo e non cumulativo, questo significa che se nella prenotazione sono presenti più viaggiatori, ciascuno dovrà provvedere alla compilazione del proprio.

Air Italy ha a disposizione 30 giorni dalla data di ricezione del reclamo per esaminare la richiesta e fornire una risposta. Se trascorso questo termine non ricevi alcun riscontro o se la risposta non ti soddisfa, il consiglio che ti diamo è tentare la procedura di risoluzione alternativa delle controversie. Questo procedimento è molto semplice, ma presuppone il ricorso ad un organismo che si occupi in prima persona di appianare la controversia sorta tra te e la compagnia aerea.

In particolare se hai acquistato il biglietto aereo Air Italy direttamente online, puoi avvalerti della Piattaforma ODR (Online Despute Resolution). Si tratta di un semplice portale, gestito dalla Commissione Europea e inaugurato nei primi mesi del 2016 con lo scopo di tutelare i consumatori che hanno riscontrato problemi dopo aver fatto acquisti in rete. Fare ricorso tramite la Piattaforma ODR è molto semplice: ti basterà registrare un account e provvedere alla compilazione dell’apposito modulo.

In ultimo ricorda che né la richiesta di rimborso, né il tentativo di risoluzione stragiudiziale della controversia, né tantomeno il reclamo all’Enac possono essere intrapresi da te, qualora il titolo di viaggio sia stato acquistato tramite un’agenzia di viaggio o soggetti terzi. Il motivo è presto detto: può chiedere il rimborso solo ed esclusivamente il soggetto che acquista materialmente il biglietto.

Segnalazione Enac per mancato rimborso Air Italy o altre irregolarità

Vista la pluridecennale esperienza nel settore, sarebbe davvero strano se Air Italy negasse il rimborso ad un passeggero che ne ha diritto. Ma come si dice in questi casi, "mai dire mai". Nel caso in cui riscontrassi una violazione dei tuoi diritti di passeggero, potresti rivolgerti direttamente all’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, attivando l'apposita procedura di reclamo Enac (http://moduliweb.enac.gov.it/applicazioni/cartadiritti/modulo_261.asp).

Tieni presente comunque che, intraprendendo questa procedura, non potrai ottenere il rimborso Air Italy che ad esempio ti è stato negato o che tarda ad arrivare, tuttavia segnalerai il disservizio all’Ente, che si occuperà di verificare la violazione e procedere eventualmente con l'applicazione di una sanzione nei confronti di Air Italy. Per saperne di più ti consigliamo di leggere l’articolo dedicato all’argomento: “Disservizi dalla compagnia aerea? Segnalali all’Enac”.

Documenti correlati



45961 - Alice
14/06/2016
Salve, sto percependo la NASPI da un anno. Purtroppo ero convinta che la DID avesse durata 12 mesi e non 6. È scaduta. Cosa posso fare, oltre a rinnovarla per non incorrere in sanzioni? Grazie

33686 - Redazione
19/11/2014
Alessandro, in buona sostanza con la DID lei è tenuto per legge a svolgere le misure di politica attiva (per esempio formazione professionale, tirocini, preselezione) previste dal Centro per l’impiego, in funzione di un suo reinserimento nel mercato del lavoro.

33684 - Alessandro
19/11/2014
Buona sera mia moglie è in cassa integrazione da un anno. A settembre finito l'anno di cassa integrazione "normale", le hanno comunicato che avrebbero smaltito i giorni di ferie restanti ed al loro termine sarebbe entrata in CIG. Oggi oltre a non aver ricevuto ancora due mensilità le è arrivata una comunicazione dove richiedono urgentemente per riconoscimento della CIG la compliazione DID e presentazione dello stesso al centro impiego di residenza. Volevo sapere compilare questo modulo cosa comporta e cosa significa?

27269 - DENY
31/10/2013
Lavoro a tempo determinato, sono in infortunio e il mio contratto di lavoro è scaduto. Per iscrivermi al centro dell'impiego devo aspettare la chiusura dell'infortunio? Cosa devo fare per iscrivermi al centro dell'impiego?

27024 - Redazione
21/10/2013
Maria, il reddito da considerare è quello derivante esclusivamente da attività lavorativa relativo all’anno in corso (1/01/2013 - 31/12/2013), presunto ed eventualmente desumibile da elementi oggettivi (es. buste paga, dichiarazioni del datore di lavoro), il cui importo non dovrà superare la soglia degli 8.000 euro.

27007 - Maria
20/10/2013
Salve, sono attualmente disoccupata e sono iscritta al bando Neet di Italialavoro. Mi chiedono fra i documenti da presentare la D.I.D. e se il mio reddito (escluso da imposta) è inferiore o meno a € 8.000,00. Un rappresentante di Italialavoro mi ha detto che al centro dell’impiego della mia città possono aiutarmi a fare un calcolo presunto del mio reddito per il 2013, tenuto presente, credo, il reddito del 2012. Potreste spiegarmi come si fa questo calcolo presunto che dovrebbe essere fatto dal centro per l’impiego sul mio reddito? Resto in attesa di un vostro aiuto. Grazie

26058 - Sonia
07/09/2013
Salve, io vorrei aderire alla richiesta del voucher formativo di Alta Formazione, il quale comporta la firma del DID. Io vorrei sapere quali siano i Pro e i Contro di tale dichiarazione, se è estremamente vincolante per colui che la sottoscrive e se mi legherebbe inesorabilmente al Centro per l'impiego (cioè se obbliga a mantenere il domicilio nelle immediate vicinanze del Centro per l'impiego, visto che lavorativamente non vorrei precludermi la possibilità di cercare lavoro altrove). Ringrazio anticipatamente. Sonia

25645 - Redazione
05/08/2013
Mario, in effetti la dichiarazione di immediata disponibilità ( DID) è stata abrogata a far data dal 18 Luglio 2012 ( art.4, c.47, legge di riforma del lavoro). L'articolo in questione era stato redatto nel 2011.

25639 - mario
05/08/2013
Ma scusatemi, dal 18 luglio 2012 il modello did non è stato sospeso?????

24901 - Redazione
01/07/2013
Massimiliano, viene data preventiva e adeguata informazione e sempre con congruo preavviso rispetto alla data fissata per l’incontro. Può dunque partire con tranquillità.