Disdetta utenze: in quali casi comunicarla e come

Hai intenzione di trasferirti in un'altra città e vendere casa? Siamo certi che hai già molti pensieri che ti frullano per la testa e tra uno scatolone e l’altro magari hai già avuto modo di focalizzare la tua attenzione sugli adempimenti burocratici legati al trasloco. In questi casi organizzarsi per tempo è sempre un’idea eccellente. Con questo post vogliamo semplicemente richiamare la tua attenzione su uno di questi adempimenti: la disdetta utenze domestiche

Disdetta utenze domestiche: quando comunicarla

La disdetta utenze domestiche può essere comunicata in svariate occasioni, ad esempio quando:

  • ci si appresta a cambiare residenza o a trasferire l'attività in un'altra città;
  • con la morte di un parente si diventa eredi di un immobile;
  • si intende passare ad un altro operatore che offre condizioni più vantaggiose;
  • ecc. 

Ma quali utenze domestiche disdire? Dipende dai servizi attivi sull'immobile: luce e gas, acqua, telefono e internet, pay tv, canone Rai, ecc.

Per ciascuna fornitura (fatta eccezione per il canone Rai) occorre tener conto di diversi aspetti prima di procedere con l'annullamento del contratto. A tal riguardo ti consigliamo di tener sottomano la Cata dei Servizi, una guida sui diritti e sugli obblighi discendenti dal rapporto contrattuale.

Disdetta utenze luce e gas

Se vuoi chiudere definitivamente la fornitura di energia elettrica e gas naturale puoi chiedere la disdetta del contratto e la chiusura del contatore alla società che fornisce energia elettrica e il gas naturale. Questo è il

che puoi scaricare gratuitamente da questo portale e personalizzare sulla base delle tue specifiche necessità. Aprendo la scheda modulo ti accorgerai che è possibile effettuare il download di due diversi documenti: il modulo disdetta gas e il modulo disdetta luce, entrambi in versione "doc". Dopo aver scaricato il modulo potrai compilarlo in ogni sua parte, avendo sotto mano i dati riportati sulla bolletta (indirizzo di fornitura, codice cliente, POD/PDR, ecc.). 

Dopo aver ultimato la compilazione del modulo, non ti resta che predisporre la busta da lettera ed effettuare la spedizione tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Ricordati di allegare una copia del tuo documento di identità. In alternativa puoi verificare se la tua compagnia ha messo a disposizione dei propri clienti una casella di posta elettronica certificata, ma in questo caso perchè la disdetta utenze luce e gas acquisisca efficacia, è necessario che anche la tua sia una PEC e non una casella di posta ordinaria.

Ti segnaliamo comunque che all'interno del nostro portale trovi anche modelli più specifici. Ne riportiamo alcuni:

Per gli altri moduli non devi far altro che scrivere nel campo di ricerca posto in alto a destra la parola "disdetta" seguita dal "nome del tuo fornitore". Premendo sul tasto "Invio" della tua tastiera, otterrai immediatamente i risultati che cerchi. 

Disdetta utenze telefoniche

Se intendi trasferirti è chiaro che non avrai più bisogno della linea telefonica fissa, dunque potrai disdirla insieme all’ADSL. Effettuare la disdetta della linea telefonica e/o adsl è molto semplice: puoi attendere la scadenza del contratto (che si rinnova tacitamente ogni 12 o 24 mesi) inviando una comunicazione scritta alla compagnia telefonica con un preavviso di almeno 30 giorni. In questo modo non pagherai alcun costo aggiuntivo, ma in bolletta di saranno comunque addebitati i cosiddetti "costi di disattivazione". 

In alternativa potrai inviare la comunicazione scritta prima della scadenza contrattuale ed ottenere comunque il recesso immediato del contratto. In questo caso è chiaro che se hai aderito ad una particolare promozione e non hai rispettato il termine minimo di durata previsto dal contratto, la compagnia telefonica ha tutto il diritto di richiederti la restituzione degli sconti fruiti nel periodo.

Anche in questo caso ti mettiamo a disposizione alcuni modelli specifici:

Per quanto concerne le modalità di invio valgono le stesse considerazioni fatte per la disdetta delle utenze domestiche luce e gas.

Un ultimo consiglio: non lasciare bollette telefoniche non pagate perchè le conseguenze potrebbero non essere di poco conto.

Se tutto sommato ti ritieni soddisfatto del tuo operatore telefonico, potresti anche non richiedere la disdetta utenze e attivare il "trasloco" della linea, un servizio che - per trasferimenti all'interno dei confini nazionali - potrebbe anche consentirti di mantenere lo stesso numero.

Disdetta utenze acqua

Nel caso in cui non sia necessario mantenere attiva la fornitura di acqua nella casa che ti appresti a vendere, puoi informare la società che gestisce il sistema idrico e comunicargli la volontà di disdire il contratto in essere. A tal fine puoi recarti presso gli uffici territoriali di persona oppure puoi inviare la richiesta tramite raccomandata con avviso di ricevimento, PEC o fax.

Qualora preferissi questa modalità di comunicazione, ti consigliamo di scaricare, compilare e inviare questo fac simile disdetta fornitura acqua ed inviarlo corredato di una copia del documento d’identità in corso di validità.

Disdetta pay-tv

Dopo aver disdetto la luce, il gas, l’acqua e la linea telefonica si passa all'abbonamento alla pay-tv. In alcuni casi viene offerta al cliente la possibilità di chiedere un trasloco della fornitura (è il caso del trasloco Sky), tuttavia è chiaro che se non hai più alcun interesse a mantenere attivo l'abbonamento, se hai la necessità di limare certe spese o se il tuo trasferimento è all'estero, l'unica soluzione è rappresentata dalla disdetta.

Sul nostro portale trovi tantissime informazioni utili a riguardo e soprattutto la modulistica utile allo scopo:

Anche in questo caso è molto importante valutare se disdire il contratto a scadenza oppure se - a fronte del pagamento di una commissione/penale - chiedere il recesso immediato.
 
Ricordiamo comunque che nel caso in cui l'adesione al servizio sia avvenuta online, tramite telefono o a casa tua, c'è la possibilità di esercitare il diritto di ripensamento senza comunicare il motivo e senza sostenere alcuna spesa. L'importante è agire entro e non oltre 14 giorni.

Disdetta utenze o voltura?

In occasione di un trasloco le esigenze che possono manifestarsi rispetto alle utenze domestiche sono 3:

  1. la disdetta: il tuo appartamento (quello cha ti appresti a lasciare) rimarrà vuoto in attesa di essere venduto o concesso in affitto, dunque potrebbe rivelarsi conveniente procedere con l'annullamento del contratto e la relativa chiusura dei contatori;
  2. il subentro: il nuovo proprietario o inquilino che acquista o prende in affitto l'appartamento trova il contatore chiuso. In questo caso egli dovrà riattivarlo stipulando un nuovo contratto di fornitura;
  3. la voltura: il soggetto che subentra nell'immobile a titolo di proprietario o inquilino, trova il contatore attivo, ossia senza sigilli. In questo caso per riattivare la fornitura, egli non dovrà far altro che chiedere - attraverso la voltura - un cambio di intestazione del contratto. In pratica con la voltura si cambia la titolarità del contratto, senza interrompere l’erogazione di energia elettrica e gas. Questo è il modulo di richiesta voltura utenze che puoi scaricare gratuitamente da Moduli.it e inviare all’azienda insieme al documento che attesta la proprietà, la regolare detenzione o il possesso dell’immobile. Quest'ultimo può essere sostituito anche da questa dichiarazione sostitutiva di atto notorio.

In questo post trovi altre considerazioni sul tema della differenza tra voltura e subentro.

Disdetta utenze domestiche per decesso

Nel caso in cui non dovessi cambiare casa, ma fossi l’erede di un soggetto deceduto e volessi richiedere la disdetta utenze, la procedura da eseguire sarebbe leggermente diversa. I soggetti che assumono la proprietà degli immobili, in qualità di eredi, possono decidere se mantenere attiva la fornitura, cambiando semplicemente il nome dell’intestatario del contratto (voltura) oppure se procedere con la disdetta utenze per decesso.

Anche in questo caso si consiglia la disdetta delle utenze solo nel caso in cui l’intenzione fosse quella di non abitare l’immobile, ma tenerlo in stand-by oppure metterlo in vendita.

Per effettuare la disdetta delle utenze è necessario contattare i fornitori (luce, gas, telefonia fissa, acqua, pay-tv) inviando una comunicazione scritta tramite posta elettronica certificata o posta raccomandata con avviso di ricevimento ed allegare il proprio documento d’identità e il certificato di morte dell’intestatario dei contratti. Telefonando al numero dedicato all’assistenza clienti della compagnia dovresti acquisire tutte le informazioni utili all’espletamento della procedura.

In alternativa puoi consultare le informazioni che trovi sul nostro sito e contemporaneamente scaricare la modulistica necessaria. Di seguito ti linchiamo alcuni modelli di disdetta utenze per decesso:

Per quanto riguarda il settore della telefonia, sul nostro portale è possibile scaricare gratuitamente i seguenti fac simile:
Documenti correlati


52989 - Redazione
10/07/2019
Maria Pia, trova le informazioni nell'articolo che abbiamo dedicato al servizio Telepass (vedi anche Disdetta Telepass Premium)

52962 - Maria Pia
30/06/2019
La disdetta telepass x decesso si può inviare x posta cartacea raccomandata? C'è un numero di telefono da contattare?


Lascia un commento
Attenzione: prima di inviare una domanda, controlla se è già presente una risposta ad un quesito simile.

I pareri espressi in forma gratuita dalla redazione di Moduli.it non costituiscono un parere di tipo professionale o legale. Per una consulenza specifica è sempre necessario rivolgersi ad un professionista debitamente qualificato.

Obbligatorio